Apple, cosa tenere d’occhio in vista della trimestrale

Il nuovo iPhone 12 è stato presentato solo due settimane fa e i risultati in termini di profitti si osserveranno alla fine dell’anno. Intanto le previsioni sono per ricavi in aumento tra i 60 e i 60 miliardi

Colosso del settore tecnologico, con l’ultimo iPhone lanciato sul mercato due settimane fa, Apple si appresta a pubblicare i conti del suo quarto trimestre (giugno-agosto) il prossimo 29 ottobre.

Il gigante tech, prima azienda statunitense a sfondare il tetto dei mille miliardi di capitalizzazione, si appresta a chiudere un quarto trimestre che dovrebbe aver riservato poche sorprese. I rallentamenti all’approvvigionamento e alla produzione causati dalla pandemia di covid-19 pesano relativamente poco sui ricavi Apple.

Tuttavia è proprio a causa di tali rallentamenti che il lancio del nuovo iPhone 12 è stato posticipato di alcune settimane rispetto al tradizionale appuntamento di settembre. A livello di ricavi, il quarto trimestre comunque non spicca per soprese, essendo quello immediatamente precedente al lancio del nuovo iPhone – e i ricavi dei nuovi lanci costituiscono circa il 47% del totale dei ricavi dalla vendite di iPhone.

Cosa ne pensano gli analisti?

Gli analisti di Seeking Alpha prevedono un utile per azione è atteso in rialzo a 0,70 dollari (in rialzo rispetto all’ultimo trimestre, quando si era assestato sugli 0,65 dollari, 13 centesimi in più rispetto alle previsioni), mentre i ricavi sono attesi anch’essi in rialzo a 63,29 miliardi di dollari (nel terzo trimestre erano stati 59,69, ovvero 7,13 miliardi in più rispetto alle previsioni).

Tra gli analisti sembra prevalere l’ottimismo – negli ultimi tre mesi in 21 hanno rivisto al rialzo le stime per l’utile per azione, rispetto a 11 secondo cui potrebbe scendere.

Ancora migliori le prevsisioni del consensus degli analisti intervistati da Yahoo, secondo cui i ricavi saliranno a 64,16 miliardi (nello stesso periodo del 2019 erano ammontati a 64,4 miliardi), sebbene l’utile per azione non dovrebbe salire più di 0,70 dollari (nel 2019 era stato di 76 centesimi).

Morgan Stanley prevede ricavi a 60 miliardi e utile per azione a 62 centesimi, di cui 22,9 miliardi in vendite di iPhone e 14,5 miliardi in servizi. In generale le previsioni in questo senso sono più generose (si stimano 40,4 milioni di prodotti venduti a un prezzo medio di 705 dollari), ma gli analisti di Morgan Stanley dubitano che possano essere veritiere.

Quali previsioni per i prossimi mesi?

Gli effetti del lancio si osserveranno dunque nel prossimo trimestre, per il quale infatti già si prevede un balzo dei ricavi fino a 100,22 miliardi di dollari e un utile per azione a 1,36 dollari.

Durante ottobre le principali banche d’affari hanno mantenuto stabili i propri giudizi sulle azioni Apple: JP Morgan le lascia overweight, con target price a 150 dollari; Credit Suisse resta neutral con target price a 106 dollari; Citigroup lascia il suo buy, con target price a 125 dollari.

Non mancano certo i giudizi più ottimisti (Atlantic Securities ha alzato il rating da underweight a overweight e il target price a 150 dollari, Wedbush da Outperform a Overweight con target price sempre a 150 dollari, per Jefferies le azioni Apple sono Buy con target price a 140 dollari); spicca dunque il giudizio di Goldman Sachs, per cui le azioni Apple scendono a Sell e il target price a 80 dollari.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 16 mila azioni internazionali con i Turbo24 - incluse le azioni Apple e tutte le FAANGs. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading