USA tra voto di Midterm e decisioni Fed. La Cina rallenta

L’ultimo dato sul Pmi Caixin/Markit è risultato in calo a 50,8 dal livello di 53,1 di settembre, il più basso da settembre 2017. Il rallentamento del Dragone fa scattare l'allarme sulla tenuta dell'economia, alla luce delle tensioni commerciali Cina-Usa e la preoccupazione che la Fed alzi i tassi ad un ritmo più sostenuto del previsto.

Fonte Bloomberg

Nella settimana del voto di Midterm, la Cina tira le somme dell’ultimo periodo. Ad agitare gli animi nelle ultime ore è stato il rallentamento del settore dei servizi registrato ad ottobre, comparto sul quale il governo di Pechino puntava per cercare di contrastare gli effetti della disputa commerciale con gli Stati Uniti.

Intanto, i titoli dell’area Asia/Pacifico perdono oggi terreno, sulla prospettiva che la Federal Reserve (che si riunirà a metà di questa settimana) decida di accelerare il ritmo di rialzo dei tassi.

Cina: Pmi Caixin in calo. Si teme per la guerra commerciale

L’ultimo dato sul Pmi Caixin/Markit è risultato in calo a 50,8 dal livello di 53,1 di settembre, il più basso da settembre 2017. Il rallentamento dell’indice dei servizi fa suonare i campanellini d’emergenza per il Dragone, che potrebbe ora dover affrontare un crollo della fiducia nel futuro del Paese.

Preso atto della perdita di slancio da parte dell’economia cinese, alcune aziende hanno espresso preoccupazione riguardo al possibile impatto che le tensioni commerciale tra Cina e Stati Uniti avranno sull'attività complessiva della regione.

Trump, Midterm e Federal Reserve: Settimana calda per gli Usa

Poco effetto hanno inoltre avuto le parole del presidente americano, Donald Trump, che la scorsa settimana aveva reso noto di aver intrattenuto una lunga conversazione telefonica con il presidente Xi Jinping, volta a trovare un accordo entro la fine del mese, in concomitanza col G20 d’Argentina.

Lo stesso Donald Trump sarà impegnato domani, martedì 6 novembre, nelle elezioni di Midterm.

Mentre il mercato attende la giornata di giovedì 8 novembre, quando l’istituto centrale americano renderà nota la propria strategia sul fronte monetario, Citigroup arriva il monito: "Le tensioni commerciali peggioreranno prima di migliorare".

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita. 

window.$CQ = window.jQuery; window.IG = window.IG || {}; window.IG.cq = window.IG.cq || {};
{"@context":"http://schema.org","@type":"NewsArticle","mainEntityOfPage":"https://www.ig.com/it-ch/news-e-idee-di-trading/analisi-del-mattino/usa-divisi-tra-voto-di-midterm-e-decisioni-fed--la-cina-rallenta-181105","headline":"USA tra voto di Midterm e decisioni Fed. La Cina rallenta","image":{"@type":"ImageObject","url":"https://a.c-dn.net/c/content/igcom/it_CH/ig-mercati-finanziari/market-news-and-analysis/market-update/2018/11/05/usa-divisi-tra-voto-di-midterm-e-decisioni-fed--la-cina-rallenta/jcr:content/textimage/image.img.jpg/1563875459170.jpg","height":300,"width":400},"publisher":{"@type":"Organization","name":"IG","logo":{"@type":"ImageObject","url":"https://a.c-dn.net/c/etc/designs/onedomain/images/IG-60x60.png","height":60,"width":60}},"datePublished":"2018-11-05T08:18:50+0000","dateModified":"2018-11-05T08:18:50+0000","author":{"@type":"Person","name":"Gloria Grigolon"},"description":"L’ultimo dato sul Pmi Caixin/Markit è risultato in calo a 50,8 dal livello di 53,1 di settembre, il più basso da settembre 2017. Il rallentamento del Dragone fa scattare l'allarme sulla tenuta dell'economia, alla luce delle tensioni commerciali Cina-Usa e la preoccupazione che la Fed alzi i tassi ad un ritmo più sostenuto del previsto.","isAccessibleForFree":"True"}