La Cina rallenta sotto il peso dei dazi Usa. Pil ai minimi dal 2009

Cala la produttività cinese e crescono contestualmente i timori per il futuro. Con stime di crescita del Pil 2018 pari al 6,5% a preoccupare non è il dato in sé, quanto l'effetto brusco sortito dalla politica commerciale di Donald Trump. Male a settembre anche la produzione industriale.

China
Fonte Bloomberg

Dati negativi per il mercato cinese, in un periodo già teso per la tenuta del sistema economico di Pechino.

I timori di una guerra commerciale, e di una contestuale crescita rallentata del Dragone, si sono tradotti oggi in realtà: i dati pubblicati nella primissima mattina hanno mostrato un incremento del Pil annuo del 6,5%, inferiore alle attese del 6,6% e in calo rispetto al 6,7% sul quale il mercato si era appoggiato lo scorso mese.

Male anche le rilevazioni della produzione industriale, scesa nel mese di settembre al 5,8% annuo, contro attese del 6% ed un precedente risultato del 6,1%. Meglio le vendite al dettaglio, stabili al 9,2% su anno, oltre le attese (+9,0).

Pechino torna così a livelli di crescita che non si vedevano dal 2009, quando la grande crisi finanziaria imperversava ancora. A preoccupare ora non è tanto il numero in sé, quanto le motivazione che vi stanno dietro.

Le attese del governo locale per l’anno 2018 prevedono infatti un tasso di crescita economica annua pari al +6,5%, alla luce del cambio di direzione della politica, mirata al rafforzamento dei fondamentali interni e agli stimoli provenienti dalla Cina stessa. L’attuale dato, in calo rispetto alle stime mensili, rispecchia tuttavia l’effetto delle politiche commerciali statunitensi che, intervenendo a mano dura sui traffici internazionali, rischiano ora di generare un arresto della crescita del dragone più brusco del previsto.

A conferma dei timori che di recente hanno spinto a ribasso il settore della tecnologia e del lusso, nei confronti dei quali la Cina è primo player ed acquirente mondiale, l’Ufficio di statistica ha riferito in un comunicato la difficoltà di questa fase, legate ad un ambiente esterno “molto complesso”, che farà “aumentare la pressione al ribasso” dell’economia.

Nel corso delle ultime settimane, il Governo, assieme alla People's Bank of China (intervenuta sul cambio e sul livello delle riserve), ha varato una serie di misure per stimolare il credito bancario e gli investimenti infrastrutturali, comparti in fase di rallentamento a seguito della campagna di riduzione del debito attuata da Xi Jinping.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.