Mercati festeggiano accordo USA-Cina su dazi e Russia-Arabia su petrolio

Forti acquisti su settore auto e petroliferi. Attenzione al meeting di Vienna del 6 dicembre

Donald_Trump_Xi_Jinping_Getty_Images

Avvio di settimana in forte crescita per i mercati europei grazie agli eventi del weekend.

In primis l'accordo tra Stati Uniti e Cina in merito alle relazioni commerciali. Donald Trump e Xi Jinping hanno deciso al G20 di Buenos Aires di siglare una tregua di 90 giorni per quanto riguarda l'aumento dei dazi.

A esultare è soprattutto il settore auto con l'indice STOXX Europe 600 Automobiles che evidenzia un incremento del 4%.

Forti acquisti anche sui peteroliferi dopo l'intesa tra Arabia Saudita e Russia per prolungare i tagli alla produzione anche nel 2019. Sempre più probabile che un accordo possa essere raggiunto nel meeting di Vienna del 6 dicembre con anche la possibilità di nuovi tagli per riequilibrare il mercato del greggio.

In merito all'OPEC da notare l'uscita da gennaio 2019 del Qatar che ha deciso di dedicarsi al gas.

Per quanto concerne i dati macroeconomici pessimo dato dell'indice PMI manifatturiero in Italia sceso a 48,6 a novembre segnando un minimo degli ultimi 47 mesi.

Dopo la pubblicazione degli indici PMI forte discesa per l'eurodollaro fino a 1,1338.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.