Market Update - Segnali distensivi Usa-Cina, ma Tech inciampa con Apple

Europa in generale rialzo oggi, nonostante il tonfo di Wall Street di ieri sera e del Nikkei della notte.

China_trade_construction_site_crane_pier_container-830304
Fonte: Bloomberg

Al sentiment negativo sui titoli tech, che hanno visto protagonista negativa Apple e che hanno trascinato al ribasso gli indici, si sono contrapposte nella notte le indiscrezioni sul tema dazi che vedrebbero il capo negoziatore cinese andare negli Usa prima del G20 per trovare una convergenza di massima prima dell'incontro tra Trump e Xi Jiping.

Tra i dati macro, dati contrastati sono arrivati dall'indice Zew di novembre, che hanno visto l'indice generale in inaspettato recupero, nonostante il crollo della componente corrente scesa ai minimi da 2 anni.

Si attendono sviluppi anche dalla Brexit, dopo che la May ha detto che il Regno Unito non è costretto a un accordo a ogni costo. I negoziati rimangono appesi a un filo, con quasi il 95% del lavoro svolto. I problemi continuano ad arrivare dal fronte interno, dove la May rischia una debacle da parte della frangia più dura del suo partito. Ricordiamo che l'accordo sarà cmq sottoposto al voto del Parlamento entro fine anno.

Infine, il Ftse Mib rimane il peggior listino del Vecchio continente nell'ultimo giorno disponibile per rispondere alla Commissione europea. Non sembrano esserci margini di cambiamento della manovra, stando ai commenti arrivati dai due vice premier. Complice di ciò lo spread torna ad ampliarsi stamane superando i 310 pb, massimi da 2 settimane. Buon risultato dalle aste BTp che hanno visto rendimenti in calo, in un contesto di domanda non entusiasmante considerando i bassi importi in emissione.

Sui mercati, prosegue il super dollaro, con il cambio EurUsd arrivato ormai sulla soglia di 1,12. Il Dollar Index è così volato ai massimi da giugno 2017. Sotto pressione le commodity, con il petrolio ancora in forte calo dopo i commenti di Trump, che si è detto contrario al taglio della produzione dell'OPEC, e causa probabilmente il dollaro forte. Elemento questo che sta penalizzando anche l'oro.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.