Market Update - Barile senza fondo, Germania fa retromarcia. Europa in calo

Mattinata di vendite in Europa, con gli indici che tornano ad essere appesantiti dalle incertezze legate all'economia globale e al petrolio.

BG_brexit_gbp_UK_987987987
Fonte: Bloomberg

Ieri il greggio ha messo a segno la peggior seduta da settembre 2015, con un calo superiore al 7%. Non solo, il WTI ha chiuso la 12 seduta di fila in rosso e il calo dai picchi di 6 settimane fa è arrivato al 28%.

Dietro questi cali si mascherano in ordine:

  1. la debolezza della domanda globale con l'OPEC che ha rivisto al ribasso la domanda per la quarta volta di fila;
  2. il rafforzamento del dollaro;
  3. le sanzioni più morbide all'Iran.

Siamo arrivati su dei supporti interessanti e questi dovrebbero arginare la discesa almeno fino alla riunione Opec del prossimo 6 dicembre, quando verranno decisi nuovi tagli alla produzione.

Il sentiment è penalizzato anche dai brutti dati tedeschi, che hanno visto la crescita della prima economia della zona euro scendere dello 0,2% t/t nel terzo trimestre, dato peggiore delle attese. In gran parte c'era da aspettarselo alla luce delle figure recenti. La cosa peggiore è che l'outlook non sembra essere migliore.

Oggi pomeriggio intanto potremmo avere delle prime risposte dalla Brexit. Dopo l'accordi di ieri sera tra Londra e Bruxelles, l'intesa sarà sottoposta al governo britannico dove non si escludono colpi di scena visti i ministri dissidenti. Dopo questo passaggio, la questione sarà sottoposta al Parlamento dove l'impresa sembra ancora più ardua. Il movimento della sterlina sembra incorporare tutta questa incertezza dato che è tornata a perdere oggi dopo il balzo di ieri.

Infine, Italia. La risposta italiana arrivata in tarda serata di ieri non sembra aver sorpreso nessuno. Sul mercato le reazioni sono piuttosto composte se consideriamo che i ribassi sono condivisi un po’ su tutti gli indici europei e il crollo del petrolio sta penalizzando titoli ad alta capitalizzazione a Piazza Affari, come ENI.
Anche sul fronte governativo, sebbene stiamo assistendo a nuove pressioni ribassiste un po' su tutta la curva, queste rimangono più contenute rispetto alle vendite violente di maggio e ottobre. Non escludiamo però che le pressioni continuino nelle prossime sedute in vista delle opinioni della commissione del 21 novembre prossimo.

Sui mercati, dollaro ancora in recupero dopo le vendite di ieri pomeriggio, mentre gli indici Usa faticano a recuperare quota dopo il ritorno delle vendite delle ultime sedute. Non escludiamo nuovi affondi verso i minimi di fine ottobre.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.