Huawei: arresto della figlia del fondatore su richiesta Usa. Timori su tregua commerciale

L’arresto di Meng Wanzhou per violazione delle sanzioni Usa all'Iran scuote i mercati. Borse Asia-Pacifico deboli. I mercati diffidano dell'annuncio di tregua commerciale deciso da Xi e trump nel corso del G20. Le ragioni del fermo della donna sono ancora incerte.

Huawei
Fonte Bloomberg

Nuovo colpo di scena nello scontro commerciale Cina-Usa. Sotto i riflettori, questa volta, è finita la figlia del fondatore del gigante tecnologico, Huawei, arrestata a Vancouver, Canada, e prossima all’estradizione negli Stati Uniti, con l’accusa di aver violato le sanzioni americane ai danni dell'Iran.

Huawei è oggi il secondo produttore mondiale di smartphone.

L’arresto di Meng Wanzhou ha scosso profondamente i mercati asiatici, che hanno concluso la giornata in territorio negativo. Hong Kong ha chiuso a -2,6%; Shanghai a -1,7%. Le ragioni precise dietro al fermo della donna, vicepresidente del Consiglio di amministrazione dell'azienda di Ren Zhengfei e direttore finanziario di Huawei Technologies Co Ltd, sono ancora ignote, e sollevano nuovi dubbi sulla tregua commerciale di 90 giorni annunciata nel corso del G20 dello scorso fine settimana tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping.

L'arresto e qualsiasi eventuale sanzione che ricadrà sull’universo Huawei potrebbe avere ripercussioni importanti sull’intera filiera produttiva di tecnologia smart. Già le azioni dei fornitori asiatici di Huawei, tra cui si annoverano i nomi di Qualcomm Inc ed Intel sono velocemente scese ieri, con ribassi superiori al 2%.

Secondo il portavoce del Dipartimento di giustizia canadese, un’udienza è stata fissata per venerdì. L’arresto sarebbe avvenuto sabato 1 dicembre, lo stesso giorno in cui, in chiusura di G20, Trump e Xi avevano pranzato assieme, disponendo le basi per la blasonata tregua.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.