Usa-Cina lontani dall'accordo. Trump: linea dura sul furto di proprietà intellettuale

Borse asiatiche deboli: investitori scelgono assets meno rischiosi. Si rinnovano timori di guerra commerciale. Trasferimenti forzati di tecnologia e restrizioni sulla proprietà sono priorità per Donald Trump.

Fonte: Bloomberg

Da un lato, Donald Trump apre ai mercati spiragli di accordo commerciale con la Cina, così da ridare fiducia ai corsi azionari; dall’altro, tiene fede a se stesso, confermando che gli Stati Uniti non ammorbidiranno la loro posizione fino a che Pechino non avrà posto in essere riforme strutturali reali, specie in materia di gestione della proprietà intellettuale.

Il timore di un inasprirsi della guerra tariffaria, assieme alla recente rilevazione di un calo della crescita globale (e cinese) hanno spinto gli investitori dell’area Asia-Pacifico verso attività meno rischiose. La borsa di Shanghai ha chiuso oggi attorno alla soglia della parità, al pari di Hong Kong. Sul -0,15% di Tokyo hanno pesato dati inferiori alle attese sull’export giapponese di dicembre (-3,8% contro attese a -1,9%).

La proposta di acquistare un numero superiore di beni americani (specie agricoli ed energetici), ottenendo il pareggio del deficit commerciale entro il 2024, è difficile che riesca da sola a porre fine alle discussioni che ormai da un anno logorano Washington e Pechino.

La questione madre ruota attorno ad una argomentazione: gli Stati Uniti accusano la Cina di aver rubato la proprietà intellettuale americana, costringendo le società americane a condividere la propria tecnologia e la propria innovazione nel momento in cui si sono trovate a fare affari in Cina.

Trasferimenti forzati di tecnologia, furto di proprietà intellettuale e restrizioni sulla proprietà sono rimaste una priorità per Donald Trump, intenzionato a battersi fino all’ultimo per ottenere la leadership di settore.

Pechino, fin da principio, ha negato tali accuse e ha provveduto a rincuorare il proprio mercato confermando l'intervento diretto del Governo, pronto a fornire nuovi stimoli all'economia del Dragone. Tra questi, il taglio alle tasse, specie per le piccole imprese.

Con gli occhi puntati all’incontro del prossimo 30-31 gennaio, quando una delegazione cinese si recherà a Washington per discutere di affari commerciali, si avvicina la scadenza del 1 marzo, giorno in cui termina la tregua dei dazi annunciata a dicembre nel corso del G20: nel caso in cui, sopraggiunta tale data, le parti non dovessero riuscire a trovare un accordo, il mercato rischia di assistere ad una escalation della guerra tariffaria, con dazi americani su ulteriori 200 miliardi di controvalore in dollari di beni.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.