Dollaro vola dopo super dato NFP

L'accelerazione nella crescita dei nuovi posti dei settori non agricoli Usa di aprile hanno portato forti acquisti sul biglietto verde.

I nuovi posti di lavoro nei settori non agricoli in Usa ad aprile sono saliti di 288 mila unità, contro le 210 mila attese. Il tasso di disoccupazione si è attestato al 6,3% (consensus 6,6%), livello più basso da settembre 2008. Sono stati rivisti al rialzo sia i dati di febbraio (a +222 mila unità da +197 mila) che quelli di marzo (a +203 mila da +192 mila). La crescita media mensile dei nuovi occupati si è così portata negli ultimi 12 mesi a +190 mila unità. I contributi positivi ai dati odierni sono arrivati dal settore dei servizi alle imprese (+75 mila unità) e dalle vendite al dettaglio (+35 mila unità). Bene anche il comparto delle costruzioni e quello alimentare.

Il numero dei disoccupati è sceso sotto la soglia dei 10 milioni (a 9,8 milioni), con un calo mensile di 733 mila unità, mentre i disoccupati di lungo periodo hanno mostrato una flessione di 287 mila unità, raggiungendo quota 3,5 milioni. La portanza di questi dati, però, potrebbe essere dovuta al calo del tasso di partecipazione alla forza lavoro, tornata ai minimi da ottobre scorso al 62,8%.

Sono state figure veramente eccezionali quelle odierne che difficilmente potrebbero essere lette in maniera negativa. Trascurando il tasso di disoccupazione, che potrebbe essere stato influenzato dal basso tasso di partecipazione, non si può nascondere il fatto che l’economia americana ha ripreso a creare posti di lavoro a un ritmo impressionante. I dati sostengono la view della Fed, secondo cui la ripresa riguadagnerà forza nei prossimi mesi. Il mercato sembra aver già scontato una prosecuzione della riduzione del QE nei prossimi mesi e si concentra sul possibile rialzo dei tassi di interesse.

Rimane questo il vero obiettivo di politica monetaria, su cui agiscono, non solo i dati del lavoro, ma anche l’inflazione. Se i prezzi al consumo dovessero tornare ad avvicinarsi al 2%, la Fed non ci penserà due volte ad alzare i tassi d’interesse.

Gli acquisti sul biglietto verde sono stati massicci nonostante il clima di festività in Europa. Dal punto di vista tecnico, il cross Eur/Usd è sceso a 1,3815, da 1,3870, massimi di seduta. Il supporto successivo rimane a 1,3770, mimino toccato dopo i dati sull'inflazione dell'eurozona.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.