Risk on sui mercati, Dax ai massimi da 4 settimane

Riduzione timori Brexit e dati Usa riaccendono le speranze degli operatori.

bg_dax_1369829
Fonte: Bloomberg

Ondata di acquisti sui mercati azionari dopo gli ultimi sondaggi arrivati sul referendum della Brexit in agenda il prossimo 23 giugno. Le probabilità di una vittoria del fronte pro Ue continua a guadagnare consensi secondo le ultime rilevazioni (soprattutto telefoniche). Tra l'altro oggi sarà pubblicato anche il sondaggio promosso da IG in collaborazione con Survation.

Queste notizie, insieme agli ottimi dati in arrivo dagli Usa (ieri particolarmente brillante è stata la figura sulle vendite di nuove abitazioni), sembrano aver riacceso l'appeal per gli asset più rischiosi. Gli investitori sembrano essere tornati a guardare con un cauto ottimismo all'Europa, anche se permane ancora un certo livello di incertezza. Anche le notizie arrivate sul fronte Grecia hanno contribuito, anche se in misura inferiore a nostro avviso, a rasserenare il mood del mercato.

Complice di ciò, Wall Street è tornata con prepotenza ai massimi da inizio mese. A questo punto gli indici USA sembrano essere destinati a tornare sui massimi storici.

Maggiori potenzialità potrebbero esserci per gli indici del Vecchio continente. L'indice Germany 30 ha rotto con decisione i massimi allineati di maggio, collocati in area 10.080 - 10.100 punti, spingendosi in apertura questa mattina verso i 10.200 punti, livelli abbandonati il 29 aprile.

Il gap rialzista apertosi questa mattina potrebbe essere chiuso anche in giornata, soprattutto se l'indice dovesse perdere spinta e scendere sotto 10.130 punti. E' importante che il mercato chiuda sopra area 10.100 punti per scongiurare che la rottura della resistenza sia interpretato come un falso segnale.

Le prime resistenze interessanti passano per 10.200 punti, ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci nella discesa partita il 21 aprile scorso. Il superamento di tale riferimento spalancherebbe la strada a un allungo verso 10.500, livelli avvicinati proprio il mese scorso. Confermiamo il target strategico collocato 10.750 punti, dove rimane aperto il gap down aperto la prima seduta dell'anno.

Indicazioni di debolezza si avrebbero solo con un cedimento di area 10.080, che potrebbe aprire a nuovi cali sino a 9.975 punti.

Germany30

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.