FtseMib appesantita da trimestrali

Milano rimane fanalino di cosa questa mattina in Europa.

bg_italian_stock_exchange_1362026
Fonte: Bloomberg

Virano subito in negativo le borse europee dopo una partenza in nero in scia alla buona reazione di Wall Street al comunicato della Fed. Gli investitori statunitensi non sembrano essere rimasti particolarmente colpiti dall'atteggiamento aggressivo mostrato dal FOMC. Nel comunicato la Fed ha fatto esplicito riferimento alla possibilità che nel prossimo meeting i tassi potrebbero essere ritoccati al rialzo, se le i dati su occupazione e inflazione dovessero avvicinarsi agli obiettivi della Banca centrale. Erano 16 anni che non veniva fatto un riferimento simile nel comunicato della Fed.


L'impressione è che la Fed abbia voluto preparare il mercato a un possibile ritocco dei tassi, visto che sino a ieri le probabilità erano sbilanciate per rialzo solo nella primavera del 2016. Al momento non sembra emergere, però, tra i governatori una prevalenza per un rialzo dei tassi a dicembre. Quindi si torna a guardare i dati macro. Già oggi, gli investitori avranno modo di incrociare le parole della Fed con le figure sul Pil del 3° trimestre. Occorreranno delle figure deboli per spingere la Fed a ritardare l'azione.

In Europa Piazza Affari è la peggiore, con il Ftse Mib che perde oltre l'1%. Dietro questo affondo ci sarebbero:
- delle trimestrali poco convincenti come quella di ENI e di FCA (di ieri) e quella brutta di STM;
- la decisione di Deutsche Bank di sospendere il pagamento dei dividendi per i prossimi 2 anni e di tagliare 9.000 posti di lavoro, elemento questo sta penalizzando l'intero settore in Europa, banche italiane incluse.


Il mercato, dopo il rally di ottobre, non ha respirato a sufficienza per poter ripartire con decisione. Potremmo andare incontro a una o due sedute di debolezza prima che il rally di fine anno parta.


Dal punto di vista tecnico, in questo momento l'indice italiano si è avvicinato al supporto a 22.350 punti, bottom di martedì, al di sotto del quale potrebbe tentare un affondo verso 22.100 punti, minimi della scorsa settimana. La tenuta è strategica per scongiurare uno scivolone più importante in direzione di 21.550 punti, dove il Ftse Mib andrebbe a chiudere il gap up lasciato aperto a inizio mese.


Indicazione rialziste per oggi si avrebbero solo con un superamento di area 22.600 punti. Per vedere nuove posizioni in acquisto dovremmo attendere il superamento di area 22.800 punti, massimi delle ultime settimane. Il target principale rimane a 23.700 punti, dove è rimasto aperto un gap up di agosto scorso.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.