Market maker (definizione)

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - Y

Vedi tutti i termini del glossario di trading

Cos’è un market maker?

Un market maker è un intermediario che compra e vende un numero alto di asset per facilitare la liquidità e assicurare la fluidità dei mercati finanziari. Considerato l’elevato volume di asset negoziabili, un market maker è di solito un ente, e raramente una persona fisica.

Un market maker dispone di un certo ammontare di un asset (o più) con cui farà trading. Inoltre, espone le quote di compravendita e i trade eseguiti, creando un modo diretto per fare trading.

I market maker sono presenti spesso nel trading con le azioni. Ad esempio in un mercato azionario, un market maker può vendere soltanto un numero di azioni che può acquistare realmente. In ogni caso ha l’obbligo di soddisfare il Normal Market Size (NMS) - il numero minimo di titoli - che può variare da azione ad azione. IG usa i market makers per stabilire il prezzo di alcune azioni non liquide.

Si chiama proprio market maker perché stabilisce i prezzi necessari per creare la domanda e l’offerta, ed equilibrare il mercato. In periodi di alta volatilità, il market maker deve rimanere stabile e continuare a essere responsabile per il rendimento del mercato. Gli utili del market maker derivano dallo spread applicato agli asset offerti e compensano il rischio di acquistare un asset che potrebbe deprezzarsi.

Esempio di market maker

Un market maker compra 100 azioni al prezzo di €100 (prezzo lettera) e poi vuole venderli a €100,05 (prezzo denaro). Anche se sembra essere una differenza di soli €0,05, quando si fa trading in elevate quantità, i profitti saranno rilevanti.

Impara a fare trading

Scegli i parametri che si adattano alla tua operatività
con il nostro corso gratuito di IG Academy

Contattaci

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

800 897 582

In alternativa puoi scriverci all'indirizzo email italiandesk@ig.com

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.