Oltre 20 milioni di disoccupati in Usa ad aprile: è il dato peggiore nella storia, ma Wall Street resta positiva

La crisi coronavirus ha spinto il tasso di disoccupazione di aprile al 14,7%, con 20,5 milioni di persone che hanno perso il lavoro. Resta tuttavia l’ottimismo in Borsa, Dow Jones +1,42%

Il dato sulle buste paga di aprile nel settore non agricolo, indice delle condizioni di salute degli Stati Uniti, fotografa una nazione danneggiata dal coronavirus ancora più profondamente di quanto fosse accaduto con la crisi finanziaria del 2008: 20,5 milioni di posti di lavoro bruciati, che hanno fatto schizzare il tasso di disoccupazione al 14,7%.

Uno scenario da dopoguerra. Tale impennata del numero dei disoccupati non si è mai registrata dal 1939, mentre il tasso di disoccupazione non è mai stati così alto dal 1948 – ovvero da quando il Bureau of Labor Statistics del Labor Deparment ha iniziato a registrare i dati.

L’emergenza Covid-19 ha pesato in tutti i settori, con particolare forza nei comparti relativi all’intrattenimento e a quello alberghiero, che hanno perso rispettivamente 7,7 milioni e 5,5 milioni di lavoratori.

Quali categorie hanno sofferto di più la crisi coronavirus?

L’esplosione del tasso di disoccupazione, aumentata tra marzo e aprile del 10,4%, ha colpito tutte le categorie intervistate. Del totale dei disoccupati registrati ad aprile, il 13% sono uomini, il 15,5% donne, il 31,9% adolescenti.

Gli ispanici sono la categoria più colpita, sono il 18,9% ad aver perso il lavoro. Seguono i neri (16,7%, l’unica categoria per cui il risultato non rappresenta un massimo storico), gli asiatici (14,5%) e i bianchi (14,2%).

Quanto alle tipologie di contratti di lavoro, la fetta più grande ad essere stata colpita è quella dei contratti a tempo pieno (15 milioni in meno), mentre i contratti part-time persi sono stati 7,4 milioni. D’altra parte, per 18 milioni di persone la sospensione del contratto di lavoro è temporanea, mentre i licenziamenti sono stati due milioni.

Tra i dati raccolti ad aprile, dei 20,5 milioni di disoccupati totali, due terzi (14,3 milioni) hanno perso il lavoro nelle ultime cinque settimane; sette milioni sono quelli senza lavoro da almeno 14 settimane, mentre 939 mila (il4,1%) erano disoccupati a lungo termine (da almeno 27 settimane).

Cosa si aspettavano gli analisti?

Il dato resta tuttavia inferiore alle aspettative. Gli economisti di Wall Street avevano infatti pronosticato un aumento della disoccupazione almeno al 16%, per un totale di circa 21,5 milioni di disoccupati. Si tratta comunque di numeri mai visti prima: durante la crisi finanziaria il picco era stato raggiunto nell’ottobre del 2009, quando la disoccupazione raggiunse il 10%.

Come ha reagito Wall Street?

Il dato di oggi conferma le aspettative di una ripresa lenta, implicando anche un diverso comportamento delle famiglie per quanto riguarda la spesa e gli investimenti. Già a marzo i disoccupati erano stati 870 mila (cifra rivista al rialzo dalla stima iniziale, a 701 mila), ponendo fine al trend positivo di crescita dei posti di lavoro mensile che andava avanti dall’ottobre del 2010.

Eppure a Wall Street il dato non sembra aver smorzato l’ottimismo per una progressiva riapertura delle attività commerciali – tutt’altro: secondo gli analisti, dopo il picco di oggi non si può che risalire, per quanto lentamente.

Il Dow Jones al momento guadagna l’1,42%, l’Dow Jones sale dell’1,25% e il Nasdaq segna un rialzo dell’1%. Neanche ieri, dopo il dato sulle nuove richieste di disoccupazione settimanali (circa 3,17 milioni, che hanno portato il totale a 33 milioni), gli indici Usa hanno accusato il colpo: prevalgono infatti nelle ultime ore i segnali positivi dalla Casa Bianca circa un allentamento delle tensioni con la Cina, oltre al rialzo del prezzo del petrolio.

Fai trading sul Dow Jones e altri indici senza rischi con il conto demo di IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading