Europa in profondo rosso dopo bollettino Bce: ripresa incerta, pronti ad aumentare QE

Milano e Parigi perdono oltre il 2% a metà mattina dopo le previsioni dell’istituto centrale europeo sulla ripresa post-covid. Atteso in serata il discorso del vice presidente De Guindos

Il peggio per l’Europa sembrerebbe passato, ma la ripresa durerà almeno due anni: sono le previsioni di Luis De Guindos, vice presidente della Banca Centrale Europea, che interverrà di nuovo stasera dopo che, in mattinata, è stato pubblicato il bollettino mensile sulla situazione economica dell’Eurozona.

“Nel 2021, per quanto il livello di incertezza sia ancora alto, potremmo raggiungere un tasso di crescita intorno al 6% nell’Eurozona”, ha dichiarato ieri De Guindos.

Stamattina il bollettino economico dell’istituto centrale ha sottolineato come le imponenti misure economiche adottate all’inizio di marzo abbiano effettivamente fornito sostegno soprattutto ai settori più esposti, grazie alle agevolazioni sull’accesso alla liquidità rese possibile tramite i 750 miliardi di euro aggiuntivi disposti tramite Quantitative Easing.

“Il Consiglio direttivo ribadisce il massimo impegno a fare tutto ciò che sarà necessario nell'ambito del proprio mandato per sostenere tutti i cittadini dell'area dell'euro in questo momento di estrema difficoltà”. Non molto dissimile dalla garanzia del ricorso all’ampio “set di strumenti” a cui ieri il presidente della Federal Reserve statunitense Colin Powell ha ricordato di essere pronto a ricorrere, per far fronte alla crisi coronavirus. Per Christine Lagarde, presidente della Bce, l’Eurozona si avvia a una contrazione del 15% nel 2020 a causa del coronavirus.

“il Consiglio – continua il comunicato - è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per far sì che l'inflazione converga stabilmente verso l'obiettivo perseguito, coerentemente con l'impegno a favore della simmetria”.

Quali sono le prospettive della Bce per i prossimi mesi?

Considerando l’incertezza della crisi economica, “di una magnitudine e una velocità senza precedenti in periodo di pace”, e il fatto che le misure intraprese dalla Banca centrale europea per farvi fronte hanno alterato il comportamento dei consumatori nella zona euro, secondo l’istituto centrale l’Eurozona si avvia a una contrazione del Pil compresa tra il 5% e il 12% nel 2020, a seconda della durata della misure di lockdown.

Al via dunque a ulteriori alleggerimenti delle condizioni per accedere alle operazioni finanziarie previste dal programma TLTRO III e PELTROs (le operazioni di rifinanziamento a lungo termine ex-emergenza pandemia), annunciate nell’ultima riunione dell’istituto centrale. Si continua con gli acquisti da 20 miliardi di euro al mese nell’ambito del Quantitative Easing: fermo restando il monitoraggio delle suddette misure da parte del Consiglio Direttivo, al fine di settarle sulle necessità dell’Eurozona di pari passo con l’evolversi della crisi.

La Banca centrale europea ha ricordato i dati sulla fiducia dei consumatori (-22,7% ad aprile, che però lascia aperto lo spiraglio per una sottostima della domanda) e l’indice Pmi (-42,2 a marzo, -33,4 ad aprile). D’altra parte, si tratta dei dati raccolti nel pieno della crisi, che ancora non tengono conto del mese di maggio – quando le misure di lockdown si allenteranno in quasi tutta Europa, ma per lo più verso la fine del mese.

Cosa si prevede per il futuro?

Il calo della domanda è equivalso a calo dell’inflazione, che ad aprile è arrivata allo 0,4% (rispetto allo 0,7% di marzo). Regna l’incertezza sulla durata della ripresa, a causa della natura esogena della crisi; l’unico spiraglio in grado di risollevare il costo del denaro potrebbe essere rappresentato dalla riduzione dell’offerta, in seguito al rallentamento della catena di approvvigionamento: le speranze di ripresa dunque si osserveranno solo nel medio-lungo termine.

Come si stanno muovendo gli indici europei?

Torna a salire lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 238 punti base, dopo il Dl Rilancio da 55 miliardi di euro varato ieri dal governo italiano, che ha portato il rendimento del titolo decennale a 1,84%.

Eppure, se già erano bastate le parole di ieri di Powell per far sprofondare in apertura gli indici europei, il commento per certi versi analogo della Bce non ha fatto che peggiorare la situazione. Contiene le perdite al di sotto dei 2 punti percentuali il Dax, che comunque viaggia in ribasso dell’1,86%; Parigi e Milano perdono rispettivamente il 2,12% e il 2,07%, mentre persino Londra viaggia in ribasso del 2,46%.

Fai trading sugli indici e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading