Dow Jones oggi continua l’ascesa, migliori del previsto i dati macro Usa

Rispetto al mese scorso, nel settore privato sono stati persi “solo” 2 milioni di posti di lavoro: dato incoraggiante, soprattutto a due giorni dai Non-farm payrolls. Wall Street torna a sfiorare i livelli pre-covid

Mentre l’Europa continua la sua corsa al rialzo, anche Wall Street apre tonica, trainata dal balzo in avanti di Boeing (+7,77%, a 165 dollari) e, più in generale, dall’ottimismo con cui i mercati guardano alla fine della crisi coronavirus.

Cosa dicono i dati macro in arrivo dagli Usa?

Crisi che, tuttavia, è ben lungi da una conclusione a breve. Se in Cina l’indice Pmi di maggio relativo al settore servizi oggi è riuscito a sfondare la soglia dei 50 punti (e si è confermato a 55, indicativo del fatto che l’economia cinese è tornata in espansione), il rialzo, seppur notevole, registrato stamattina dall’istituto Ihs Markit in Europa non è bastato per tornare a parlare di crescita (l’indice Pmi dell’Eurozona composito si è fermato a 31,9 punti).

Negli Stati Uniti l’Institute of Supply Management ha calcolato con 45,4 punti le previsioni dei direttori agli acquisti nel settore non manifatturiero: meglio dell’Europa, peggio della Cina, ma abbastanza per superare le aspettative (ferme a 44 punti) e sempre più vicino alla soglia oltre la quale si può parlare di espansione economica (50 punti). D’altra parte, i numeri cambiano se a pubblicarli è l’istituto Ihs Markit, in base al quale il Pmi composito Usa si è assestato a 37 punti (rispetto ai 27 di aprile), mentre quello relativo ai servizi segna 37,5 (ad aprile era sceso a 26,7).

A trainare al rialzo gli indici Usa hanno contribuito anche i dati sulla variazione dell’occupazione non agricola, le cui premesse sono in grado di dire molto anche sulle previsioni sulle buste paga dello stesso settore (in pubblicazione venerdì). L’indice mette in luce una perdita di posti di lavoro nel settore privato pari a 2,760 milioni di unità: il numero resta alto, ma di gran lunga inferiore rispetto alla contrazione prevista (9 milioni di unità) e a quella precedente, 19,56 milioni.

Come hanno reagito i mercati?

Tornano dunque a salire i principali indici statunitensi: l’S&P 500 guadagna l’1,16% e torna sopra la soglia dei 3 mila punti (dai minimi toccati a fine marzo, l'S&P ha recuperato oltre il 40%). Bene anche il Dow Jones, in rialzo dell’1,65% a 26.168,19 punti, mentre il Nasdaq viaggia in rialzo dello 0,59%. Nonostante i dati macro migliori del previsto, il dollaro resta per lo più debole e non riesce a recuperare nei confronti dell’euro – il cambio EUR/USD viaggia ancora a quota 1,1244.

Nonostante gli economisti riconoscano che quelli delle ultime ore siano solo timidi segnali di ripresa e che, prima di tornare ai livelli pre-covid, sarà necessario attendere almeno la fine dell’anno, sembra che i mercati stiano convincendosi che la ripresa seguirà un andamento a V, ovvero particolarmente rapida.

Non sono bastate le tensioni tra Usa e Cina a mantenerli cauti (tensioni che si sono fatte sempre più labili nel momento in cui il presidente Trump ha annunciato di non voler comunque toccare l’accordo commerciale di “Fase 1” siglato alla metà di gennaio) e neanche i gravi sommovimenti sociali scatenato dopo la morte di George Floyd, ucciso da un poliziotto a Minneapolis, che ha riportato a galla la mai sopita questione razziale.

Fai trading sugli indici e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Scopri le opportunità di trading

Con IG Bank puoi andare long o short su oltre 17,000 mercati.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading