Crolla il Pil tedesco, schiacciato dalla crisi coronavirus: -2,2% nel primo trimestre

Si tratta della contrazione peggiore dalla crisi del 2009. Giù anche l’Eurozona, -3,8% nel primo trimestre ma reggono gli azionari: Dax +1,88%, Milano +0,88%

Dopo Italia, Spagna e Francia anche la Germania entra ufficialmente in recessione. L’istituto di statistica tedesco Destat ha pubblicato stamattina il dato preliminare sul Pil del primo trimestre, crollato del 2,2% rispetto agli ultimi tre mesi del 2019 e dell’1,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Si tratta del crollo peggiore dalla crisi economico-finanziaria del 2009, quando nel primo trimestre il Pil trimestrale subì una contrazione del 4,7%. A peggiorare la situazione è che il Pil del quarto trimestre 2019 è stato rivisto al ribasso, passando da stabile a una contrazione dello 0,1%: con due trimestri di seguito negativi, la Germania entra ufficialmente in recessione tecnica.

Quanto ha inciso la pandemia di coronavirus?

A preoccupare è inoltre il fatto che in Germania il lockdown è entrato in vigore a metà marzo, dunque la contrazione registrata nel primo trimestre risulta per lo più concentrata in sole due settimane. Le prospettive per il futuro si fanno dunque ancora più incerte e i dati per il trimestre in corso si prevedono ben più negativi, con l’intero mese di aprile di stop alle industrie e una ripartenza, per quanto anticipata rispetto al resto d’Europa (le attività essenziali tedesche hanno riaperto i battenti dal 26 aprile) minacciata da una seconda ondata di contagi da Coid-19, che potrebbero portare a una nuova chiusura tutale.

Negli ultimi giorni proprio la Germania ha fatto da apripista in Europa per un graduale ritorno alla normalità, ed è per questo che gli operatori continuano a guardare con apprensione i dati sui nuovi casi di Covid-19. Secondo i dati del Robert Koch Institute, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 913 nuovi casi, che porta il numero totale a 173.152, e 101 decessi, per un totale di 7.824. In base all’andamento della pandemia, l’ufficio Statistiche tedesco ha pronosticato un calo fino al 10% del prodotto interno lordo nel 2020.

Scendono in Germania anche i prezzi alla produzione, passati da -0,8% a -0,7% da marzo ad aprile e da -0,8% a -1,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

E nel resto dell’Unione europea?

Migliore del previsto, ma comunque sotto zero, anche il Pil dei Paesi Bassi, che ha subito una contrazione dello 0,5% rispetto al 2019, a fronte di aspettative che volevano un ribasso dell’1,9%, mentre il dato trimestre su trimestre evidenzia una contrazione dell’1,7%, mentre gli analisti attendevano un ribasso del 3%.

Negli ultimi giorni, i dati preliminari sul prodotto interno loro delle principali economie europee hanno registrato contrazioni che vanno dal 5,8% della Francia al 4,7% dell’Italia, passando per il 5,2% della Spagna.

Scende anche l’inflazione in Italia: l’Istat stamattina ha rilasciato i dati ufficiali per l’indice dei prezzi al consumo in Italia, scesi a zero anno su anno e rimasti invariati, allo 0,1%, da marzo ad aprile.

Quanto all’intera Eurozona, il Pil trimestrale conferma i valori negativi: nell’ultimo trimestre l’area euro he registrato una contrazione del 3,8%, in linea con le aspettative, mentre il dato anno su anno mette in luce una contrazione del 3,2%, rispetto al 3,3% registrato nei primi tre mesi del 2019 – il crollo peggiore dal 1995.

Come hanno reagito gli indici europei?

Eppure i dati di stamattina non sembrano aver inciso sulle Borse europee, dove gli scambi continuano al rialzo, approfittando del rally del comparto bancario di ieri su Wall Street, che ha portato gli azionari statunitensi a chiudere in area positiva, ma anche dei buoni dati macro in arrivo dalla Cina, che ha riportato un balzo della produzione industriale del 3,9%.

Al momento il Dax guadagna l’1,88% a 10.520 punti. Bene anche Parigi (+0,98%), Londra (+1,14%) e Milano (+0,88%), mentre a Madrid l’Ibex fatica a mantenersi sopra la parità.

Fai trading sugli indici e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17,000 mercati.

  • Spread ridotti: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading