Wall Street positiva. Bene Morgan Stanley e Goldman Sachs

Entrati nel vivo della terza stagione degli utili, i listini americani rispondono positivamente ai dati, con Nasdaq e Dow Jones sopra l'1%. L'attesa è ora ai risultati del settore tech, con Netflix ed IBM in primo piano.

Fonte Bloomberg

Risultati sopra le attese per il mercato americano, con Wall Street che accoglie positivamente i dati trimestrali dei colossi finanziari Morgan Stanley e Goldman Sachs. Bene anche Johnson & Johnson.

Sempre oggi, a mercati chiusi, arriveranno invece i primi risultati del comparto tecnologico; in cima alla lista, Netflix ed IBM.

L'indice Nasdaq intanto si allunga a rialzo, guadagnando oltre l’1,10%. Bene anche Dow Jones e S&P500, anch’essi in area +1%.

Morgan Stanley: utili in crescita al 26%

Morgan Stanley ha chiuso il terzo trimestre con un utile per azione di 1,17 dollari per azione (eps), in crescita del 26% dai 93 centesimi dello scorso anno. L'utile complessivo si è invece attestato a 2,11 miliardi di dollari, da 1,78 miliardi dello stesso periodo nel 2017. Gli analisti si attendevano un eps di 1,01 dollari per azione.

Positivi anche i ricavi (+7%), passati da 9,2 miliardi a 9,87 miliardi, contro attese di 9,5 miliardi. Positivi anche i ricavi della clientela istituzionale, del comparto wealth management e della divisione trading ed equity sales.

Goldman Sachs: Utili per azione da inizio anno sui massimi storici

Goldman Sachs ha siglato il terzo quarter 2018 con utili netti complessivi da 2,52 miliardi di dollar, in crescita del 19% rispetto al 2017. I ricavi netti si sono invece attestati ad 8,65 miliardi di dollari, con un +4% rispetto ai livelli dello scorso anno. L'utile per azione segna oggi i 6,28 dollari per azione rispetto ai 5,02 di un anno fa.

A partire dallo scorso gennaio, gli utili hanno raggiunto i 7,92 miliardi di dollari, vale a dire 19,21 dollari per azione a fronte dei 14,11 di un anno fa. 'Gli utili per azione da inizio anno sono i più alti della nostra storia e il ritorno sul capitale (Roe) da inizio anno è il più elevato degli ultimi nove anni, nonostante i continui investimenti in opportunità di crescita” si è espresso così il Ceo di Goldman Sachs, David Solomon, nel giorno della pubblicazione dei risultati.

Johnson & Johnson: utili sopra la media grazie alla nuova domanda

Johnson & Johnson ha riportato profitti trimestrali sopra le stime ed aumentato le proprie previsioni per l'intero anno. I profitti netti del gruppo sono cresciuti nel terzo trimestre a 3,93 miliardi di dollari, a 1,44 dollari per azione, superiori rispettivamente ai $3,76 miliardi dello scorso anno ed una valutazione per azione a $1,37. Escludendo le singole linee, J & J ha guadagnato $2,05 per azione, sopra i $2,03 attesi dagli analisti.

A favorire il business dell’azienda la forte domanda di farmaci antitumorali Zytiga e Imbruvica, che ha contribuito a compensare il calo delle vendite del prodotto di successo, Remicade, penalizzato da competitors più appetibili del settore. Secondo le attese, l'utile per azione 2018 di J & J dovrebbe attestarsi tra 8,13 e 8,18 dollari per azione, rispetto al precedente intervallo tra $8,07 e $8,17.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita. 

window.$CQ = window.jQuery; window.IG = window.IG || {}; window.IG.cq = window.IG.cq || {};
{"@context":"http://schema.org","@type":"NewsArticle","mainEntityOfPage":"https://www.ig.com/it-ch/news-e-idee-di-trading/azioni-notizie/wall-street-positiva--spinta-da-morgan-stanley-e-goldman-sachs-181016","headline":"Wall Street positiva. Bene Morgan Stanley e Goldman Sachs","image":{"@type":"ImageObject","url":"https://a.c-dn.net/c/content/igcom/it_CH/ig-mercati-finanziari/market-news-and-analysis/shares/2018/10/16/wall-street-positiva--spinta-da-morgan-stanley-e-goldman-sachs/jcr:content/textimage/image.img.jpg/1539700743258.jpg","height":300,"width":400},"publisher":{"@type":"Organization","name":"IG","logo":{"@type":"ImageObject","url":"https://a.c-dn.net/c/etc/designs/onedomain/images/IG-60x60.png","height":60,"width":60}},"datePublished":"2018-10-16T15:33:00+0100","dateModified":"2018-10-16T15:33:00+0100","author":{"@type":"Person","name":"Gloria Grigolon"},"description":"Entrati nel vivo della terza stagione degli utili, i listini americani rispondono positivamente ai dati, con Nasdaq e Dow Jones sopra l'1%. L'attesa è ora ai risultati del settore tech, con Netflix ed IBM in primo piano.","isAccessibleForFree":"True"}