Azioni Mediaset in leggero rialzo: tre fattori da considerare in vista della trimestrale

Oltre il 15% di guadagni per la partecipata ProSiebenSat.1 dopo l’annuncio dell’ingressi di Kkr, ma il piano di una televisione paneuropea a guida Mediaset è al sicuro

Nell’arena in cui si sta trasformando il canale tedesco ProSiebenSat.1 entrano anche gli Stati Uniti. Il fondo di private equity Kkr ha rilevato il 5,2% dell’emittente ProSiebenSat.1, che già conta un’ingente partecipazione di Mediaset (arrivata solo il mese scorso al 24,2%). Mentre le azioni di ProSiebenSat.1 sono schizzate sul Dax di oltre il 15%, parte dei guadagni si sono riflettuti anche sull’andamento di Mediaset.

La quota in capo a Kkr è costituita dal 3,21% di azioni dirette e dal 2% in strumenti finanziari.

Perché Kkr è tornata in ProSieben?

Il colosso statunitense ha fatto parte di ProSiebenSat.1 dal 2014 al 2016 ed è presente sul mercato tedesco con il 50% di Axel Springer, perno dell’editoria in Germania e in Europa.

Kkr ha dichiarato di voler tornare in ProSiebenSat.1 poiché l’emittente ora offrirebbe valore: “Crediamo che il mercato stia sottovalutando l’azienda”, ha dichiarato un portavoce del fondo a Reuters. “Lo consideriamo un investimento finanziario”.

Dal canto suo, ProSiebenSat.1 non può che apprezzare e godersi la spinta al rialzo. “Riteniamo un segnale positivo che, in aggiunta a Mediaset e Cmi, altri attori di mercato vedano ProSieben come un investimento attraente”, è quanto si legge in un comunicato.

Il riferimento è a Czech Media Invest, la holding dell’imprenditore ceco Daniel Kretinski e dei due investitori slovacchi Patrick Tkac e Roban Korbacka, detiene il 10% delle azioni ProSiebenSat.1 dallo scorso ottobre, mentre la scalata di Mediaset nell'emittente tedesca risale allo scorso maggio, quando il gruppo di Pier Silvio Berlusconi ne acquisì il 9,6% delle azioni – per poi aumentare gradualmente fino a detenerne quasi un quarto.

L’annuncio avviene in un momento di forte difficoltà per l’emittente, provata sia dall’emergenza Covid-19, che ha provocato un crollo del 75% negli utili nel primo trimestre 2020 (scesi a 31 milioni di euro) mentre gli introiti pubblicitari sono diminuiti del 40%. La crisi ha seguito di poche settimane l’abbandono del timone da parte del Ceo Max Conze, che ha rassegnato le proprie dimissioni a fine marzo in seguito a mal di pancia interni al management a proposito dei costi richiesti dal passaggio al digitale, cavallo di battaglia di Conze.

Come ha reagito Mediaset?

La storia della scalata di Mediaset in ProSiebenSat.1 è iniziata lo scorso maggio. Insieme a Mediaset España, l’intenzione è quella di formare una rete televisiva paneuropea sotto l’egida di una holding apposita, Media For Europe, con sede in Olanda.

L’avvento di Cmi prima e di Kkr ora potrebbe gettare un’ombra sui piani del gruppo dei Berlusconi, ma i due fondi di investimento hanno già annunciato che la loro partecipazione a ProSIebenSat.1 è di natura prettamente finanziaria.

Cosa si prevede in vista della trimestrale Mediaset?

Il Cda di Mediaset si riunisce oggi per varare i conti del primo trimestre 2020, che saranno pubblicati domani.

Al momento, il consensus prevede ricavi pari a 432 milioni di euro (nei primi tre mesi del 2019 erano stati 492) per 467 milioni di costi operativi (480 nel primo trimestre del 2019) e un risultato operativo in rosso di 35 milioni.

Come stanno andando le azioni Mediaset?

Il titolo Mediaset viaggia attualmente in rialzo dell’1,33%, a 1,82 euro per azione.

Scopri come fare trading sulle azioni Mediaset e altri mercati con IG.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading