La settimana in breve: A per America, B per Brexit, C per Cina, D per Davos

Stati Uniti ancora in shutdown, Theresa May impegnata in un Piano B, calo del Pil cinese in linea con le attese (6,4%), conto alla rovescia per il WEF di Davos.

Fonte: Bloomberg

Avvio di settimana in sospeso per le borse asiatiche, che di fronte ai dati che confermano un ritmo di crescita cinese in calo ma in linea con le attese adottano un approccio calmo e possibilista. Sul tavolo dei mercati internazionali ci sono infatti più questioni pronte ad esser dibattute.

Dati Cina: Pil in calo in linea con le attese

I dati pubblicati in prima mattina dal Dragone hanno mostrato che l'economia cinese ha sì, rallentato alla fine dello scorso anno, ma in linea con quanto gli analisti già si aspettavano, con la crescita del Pil passata da un precedente +6,5% all’attuale +6,4%. Seppur Pechino abbia confermato l'urgente necessità di ulteriori stimoli all’economia e in attesa che qualche ulteriore passo avanti venga compiuto sul fronte commerciale con gli Stati Uniti, il dato sulla produzione industriale odierno ha riscaldato gli animi, con una crescita del +5,7%, contro una precedente rilevazione a +5,4%. Bene, infine, le vendite al dettaglio, aumentate dell'8,2% a dicembre, rispetto ad un anno fa.

Hong Kong e Shanghai hanno chiuso rispettivamente in territorio positivo a +0,35% e +0,4%. Bene anche Tokyo (+0,25%) e Taiwan (+0,5%).

Brexit: attesa del piano B di Theresa May

Tra gli argomenti caldi sul tavolo, il primo ministro inglese, Theresa May, dovrà presentare oggi la propria proposta di Piano B alla Brexit. Dai lavori preliminari, il Parlamento inglese sembra ancora ben lontano dal trovare un accordo che soddisfi, per lo meno, la maggioranza. Mentre la discussione torna a ruotare ancora una volta attorno a Dublino e al confine tra le due Irlande, laburisti e conservatori sono al lavoro per scongiurare l’evento di una Brexit senza accordo (no-deal) e per spostare più in là la data del 29 marzo 2019. C’è di più: se per alcuni l’eventualità di un “no Brexit” continua a restare un’opzione sul piatto, Nigel Farage (Ukip), primo promotore della Brexit nel 2016, ha annunciato di esser pronto a ricandidarsi alle Europee qualora non ci sarà una rottura con l’Europa.

Shutdown: Stati Uniti d’America in stand-by

Non solo guerra commerciale a proposito di Stati Uniti. L’amministrazione Trump da ormai un mese giace in una fase di stallo, col blocco dell’amministrazione federale dovuto al mancato accordo sullo stanziamento di fondi per la costruzione del muro al confine col Messico. Mentre Donald Trump tiene duro, additato da un’opposizione che, allo stesso modo, ha fatto della vicenda una questione politica più che di sicurezza nazionale, alcune statistiche parlano di un calo di mezzo punto percentuale della produttività a stelle e strisce per ogni mese di shutdown.

Domani, intanto, si apriranno le porte del World Economic forum di Davos (22-25 gennaio), dove gli Stati Uniti, causa shutdown, saranno il grande assente. Accanto a loro mancheranno anche l’inglese, Theresa May, affaccendata nella questione Brexit, ed il francese, Emmanuel Macron, che ha preferito restare in patria dopo la rivolta dei gilet gialli.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.