Week ahead: 20-24 aprile, indice ZEW e IFO fotografano l’Europa a poche settimane dalla fine dei lockdown

Agenda dei principali eventi economici della settimana

Si inizia a intravedere la luce in fondo al tunnel dell'emergenza coronavirus - per lo meno della crisi sanitaria. Con la fine di aprile si fanno infatti sempre più concreti i piani dei governi (principalmente quelli europei e, tra loro, soprattutto quelli che per primi hanno disposto le misure di lockdown) per tornare alla normalità, attraverso piani suddivisi in più fasi. Per i paesi che invece solo in queste ore hanno raggiunto il plateau della curva dei contagi (Usa e Regno Unito) non si parla ancora di “Fase 2”, ma anche i prolungamenti delle restrizioni (rispettivamente, di altre tre settimane per il regno di sua maestà e fino al 15 maggio per gli Stati Uniti) sembrano costituire una garanzia per i mercati e, dunque, una certa stabilità, che infatti li ha portati a segnare rialzi fino a oltre il 4% nell’ultima sessione della settimana.

Soprattutto nel Vecchio Continente, la prossima settimana fotograferà l’evoluzione dell'impatto del coronavirus durante il primo mese, aprile, trascorso intermaente in lockdown. Martedì sarà infatti pubblicato l’indice ZEW sul sentimento economico nell’Unione europea ad aprile. L'ultimo dato pubblicato dal Zentrum für Europäische Wirtschaftsforschung, quello di marzo, ha registrato un calo di oltre il 49% - laddove l’ottimismo degli investitori è indicato da valori almeno sopra lo zero.

Altri due appuntamenti cardine verso la fine della settimana: giovedì gli occhi dei mercati saranno puntati sulla riunione del Consiglio europeo, durante la quale i capi di stato e di governo dovranno prendere una decisione sulle quattro proposte varate dall’Eurogruppo di giovedì scorso (Mes alleggerito, Cassa integrazione europea, Recovery fund e intervento della Bei) per salvare l’economia europea. Venerdì, invece, sarà la volta della pubblicazione dell’indice IFO di aprile, in Germania.

Lunedì 20 aprile

Decisione sui tassi di interesse della PBoC, Cina;

Inflazione primo trimestre, Nuova Zelanda;

Prezzi delle abitazioni mensile, Regno Unito;

Bilancia commerciale di marzo, Giappone;

Indice prezzi di produzione, Germania;

Bilancia commerciale di febbraio, Unione Europea.

Martedì 21 aprile:

Verbale riunione Bank of Australia, Australia;

Indice dei salari medi di febbraio, Regno Unito;

Richieste sussidi disoccupazione di marzo, Regno Unito;

Bilancia commerciale di marzo, Svizzera;

Indice ZEW su economia di aprile, Germania;

Vendite al dettaglio di febbraio, Canada;

Vendite abitazioni di marzo, Usa.

Mercoledì 22 aprile:

Inflazione annuale, Regno Unito;

Prezzi alla produzione di marzo, Regno Unito;

Ordini industriali di febbraio, Italia;

Inflazione di marzo, Canada;

Prezzi delle abitazioni di febbraio, Usa;

Scorte di petrolio settimanali, Usa.

Giovedì 23 aprile:

Consiglio Europeo, Unione Europea;

Vendite al dettaglio di marzo, Regno Unito;

Rapporto GfK sul clima tra i consumatori, Germania;

Indici Pmi preliminare di aprile, Francia, Germania, Unione Europea, Regno Unito, USA;

Saldo bilancia commerciale non-UE di marzo, Italia;

Vendite nuove abitazioni di marzo, USA.

Venerdì 24 aprile:

Inflazione di marzo, Giappone;

Indice IFO delle aziende di aprile, Germania;

Ordinativi dei beni durevoli di marzo, USA.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Coronavirus e volatilità sui mercati

Fai trading con IG Bank su oltre 17.000 mercati.

  • Spread ridotti: spread a partire da 1 punto sui principali indici e da 2,8 punti su US Crude
  • Stop garantiti: impostali gratuitamente, pagherai una piccola commissione solo nel caso in cui vengano attivati
  • Assistenza dedicata: avrai a disposizione un team di esperti pronto a supportarti

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading