Commissione Eu accetta manovra bilancio Italia (ma con riserva)

La Finanziaria italiana preoccupa, ma ha ancora tempo per migliorare. Resta vigile l’esecutivo europeo

L’Italia è ufficialmente “a rischio di non rispetto del patto di stabilità”: è quanto emerge dal parere della Commissione europea, pubblicato oggi, sulle leggi di bilancio per il 2020 dei paesi dell’Unione. Eppure non tutto è perduto: la legge di bilancio ancora è in discussione al Parlamento, dunque c’è tempo per aggiungere tutti gli emendamenti ritenuti necessari – se del caso.

A rischio come l’Italia sono anche Francia, il Portogallo, la Spagna, il Belgio, la Finlandia, la Slovenia e la Slovacchia.

Valdis Dombrovskis, vice presidente della Commissione, ha esortato i suddetti stati a prendere misure in grado di farli tornare a rispettare i parametri europei. Preoccupano soprattutto i paesi dai debiti pubblici molto elevati: in Italia, Francia, Belgio e Spagna, la situazione rischia di diventare “preoccupante” a causa degli “alti livelli di debito, che limitano la capacità di rispondere a shock economici e alle pressioni di mercato”.

Proprio a proposito del debito, la Commissione si è concentrata sull’Italia e sulle “ampie deviazioni” che potrebbe imboccare rispetto alle misure previste dalla legge inviata a Bruxelles. Più che promossa, la legge Finanziaria italiana sembra dunque essere stata rimandata al prossimo anno. Nel 2020, infatti, la Commissione europea si esprimerà sull’andamento dell’economia nell’ultimo biennio: se, tra il 2018 e il 2019, l’esecutivo europeo dovesse registrare un aumento del debito, si procederà con la valutazione di un’eventuale procedura per debito eccessivo.

Come sono andati gli altri stati?

In generale, comunque, nessuno dei paesi della zona euro ha registrato “particolari discordanze con i requisiti del patto di crescita e stabilità”, come si legge nel rapporto della Commissione europea. Germania, Irlanda, Grecia, Cipro, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi e Austria sono le prime della classe, con bilanci completamente allineati alle previsioni Ue. Si calcola inoltre che tra il 2019 e il 2020 il numero degli stati membri la cui finanziaria sia sopra o in linea con i requisiti europei possa passare da sei a nove.

Resta ancora alto invece il livello di differenziazione delle politiche fiscali in base ai diversi paesi, che non riuscirà a raggiungere livelli accettabili neanche nel 2020. Inoltre, la Commissione ha calcolato un aumento del deficit strutturale aggregato dell’area euro pari allo 0,2% del (potenziale) Pil europeo.

Il rapporto sarà discusso durante la prossima riunione dell’Eurogruppo e del Consiglio europeo, previste rispettivamente intorno all’inizio e alla metà di dicembre.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Opera sugli indici

Fai trading oggi con i principali indici globali.

  • Puoi negoziare con gli spread più bassi del mercato su Wall Street
  • Spread da 0,4 punto su FTSE 100 e Germany 30
  • Scegli l'unico broker che offre quotazioni H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading