Trimestrali Microsoft: ricavi mancano le attese, cresce l'utile, boom del cloud. Titolo giù in after-hours

Fatturato Microsoft in crescita del 12% a 32,47 miliardi di dollari, appena sotto il consensus a $32,54 miliardi. Utili a 8,42 miliardi. Crescono settore cloud, gaming e search advertising. Giù le vendite di pc.

Microsoft Fonte: Bloomberg

Microsoft archivia un secondo trimestre fiscale in crescita sul fronte delle entrate, deludendo però le attese di Wall Street, prima volta in due anni che il colosso tech delude il consensus. Immediata la reazione del titolo a Wall Street, sceso in territorio negativo durante la sessione after-hours. Attualmente, il titolo Microsoft risulta esser il più capitalizzato dell’indice americano Nasdaq, con oltre 816 miliardi di market cap.

Risultati Microsoft: tra gaming, advertising e cloud

Il gruppo di Bill Gates ha chiuso il periodo di dicembre 2018 con un fatturato in crescita del 12%, a 32,47 miliardi di dollari, leggermente sotto le aspettative di mercato fissate a 32,54 miliardi. Migliora invece la voce degli utili, salita tra ottobre e dicembre a 8,42 miliardi di dollari contro una perdita da 6,3 miliardi nello stesso periodo 2017.

Entrando nel dettaglio delle singole divisioni, il colosso dell'informatica ha registrato una crescita dei ricavi del settore Gaming pari all’8%, mentre le entrate relative al Search advertising (esclusi i costi di acquisizione traffico) sono salite del 14%. Bene anche la divisione Surface a +39%.

A calare sono state invece la voce relativa a Windows OEM, giù del 5%, e le vendite di pc (-2% a dicembre, dopo 11 mesi di crescita), legata anzitutto ad una carenza di processori Intel, che ha inciso sui ricavi legati al sistema operativo Windows.

Come già rilevato ieri, dopo la pubblicazione della trimestrale di Alibaba, tra i servizi a maggior potenziale di crescita, quello del cloud occupa la prima posizione. Nel caso di Microsoft, il settore Server & cloud ha visto crescere il proprio fatturato del 24%, con ulteriori possibilità di spunti a rialzo nell’anno appena apertosi. I prodotti commerciali e dei servizi cloud Office hanno registrato anch’essi una variazione più che positiva del 13%.

Tra gli evergreen del gruppo, gli abbonati ad Office 365 sono saliti a 33,3 milioni, con una variazione positiva del +29% dei ricavi di LinkedIn.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.