Deutsche Bank perde a Francoforte. Utile in calo del 65%

Un calo dell’utile netto migliore delle attese, che prevedevano ribassi nell’ordine del 77%; pesano i costi di ristrutturazione. Christian Sewing, Ceo del gruppo, mira a chiudere l'anno in profitto. L'ultima volta è stato nel 2014.

Deutsche Bank
Fonte Bloomberg

Un calo dell’utile netto pari al -65%, migliore rispetto alle attese degli analisti, che prevedevano ribassi nell’ordine del 77%. I dati trimestrali diffusi oggi da Deutsche Bank mostrano un parziale miglioramento dei coefficienti patrimoniali, nonostante il rallentamento degli ultimi anni continui a pesare sull’attività dell’istituto bancario.

L'amministratore delegato del gruppo, Christian Sewing, si conferma però ottimista: "Siamo sulla giusta via per chiudere l'anno in positivo".

Deutsche Bank: titolo in calo del -46% da inizio anno

Il titolo ha avviato le contrattazioni sulla borsa di Francoforte in territorio negativo, con ribassi superiori al 4,5% sui minimi di giugno 2018 e in area 8,90 euro per azione, importante zona di supporto. Dai massimi di inizio gennaio, la quotazione del colosso finanziario tedesco ha lasciato sul terreno il 46%.

Deutsche Bank, che ha assicurato di essere ancora in corsa per tornare all'utile già da quest'anno (l’ultima volta è stata nel 2014), ha proseguito in questi mesi con le operazioni di ristrutturazione avviate dal nuovo management.

"Siamo sulla giusta via” ha commentato a proposito l'amministratore delegato Chistian Sewing. “I costi sono sotto controllo e abbiamo capitale a sufficienza per crescere".

Deutsche Bank: risultati meno peggio delle attese

Nel terzo trimestre il gruppo ha registrato un calo dell'utile netto del 65%, a 229 milioni di euro contro i 649 milioni dello stesso periodo nell’esercizio precedente. Il consensus degli analisti si fissava su livelli ancora peggiori, a 149 milioni di euro.

A ribasso anche i ricavi, scesi a 6,175 miliardi di euro, in calo del 9% circa rispetto al dato del 2017.

A pesare sui risultati del gruppo in maniera preponderante è stato il calo dei ricavi sul trading obbligazionario, uno dei punti di forza storici della banca, scesi del 15%; movimento analogamente negativo hanno registrato i ricavi da trading azionario.

Deutsche Bank ha precisato inoltre che l’esposizione da 2,1 miliardi di euro sul debito sovrano italiano ha esposto negli ultimi parte degli assets in portafoglio ad una eccessiva volatilità

Positivo infine l’aggiornamento sul coefficiente patrimoniale Cet1, salito al 14% dal 13,7%.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.