Turchia ancora forti pressioni, lira debole

Le tensioni sul Governo di Ankara sono ancora forti, Stati Uniti preparano nuove sanzioni

bg_turkey_notes_1370833

La Turchia non riesce a trovare una soluzione alle tensioni finanziarie. Dopo le bocciature da parte delle agenzie di rating (Moody’s e S&P’s) che hanno portato la valutazione sul debito a lungo termine turco ben sotto il livello di “spazzatura” è arrivata l’ennesimo ultimatum da parte dell’amministrazione Trump per il rilascio del pastore statunitense Andrew Brunson accusato da Ankara di essere complice nel tentato colpo di stato contro Erdogan del 2016. Secondo l’intelligence turca Brunson sarebbe stato una delle spie più fidate dell’imam Fetullah Gulen, esiliato politico negli Stati Uniti e acerrimo rivale di Erdogan. Il negato rilascio del pastore potrebbe costringere Washington a lanciare nuove sanzioni economiche contro la Turchia.

La Turchia intanto cerca di appoggiarsi ai suoi “nuovi” alleati. Il Qatar ha instaurato una linea di credito per la Turchia tramite un currency swap per fornire liquidità al paese. Tuttavia Erdogan deve trovare altre soluzione per allentare le tensioni finanziarie e il forte deflusso di capitali. L’autoritario presidente turco ha già negato la possibilità di ricorrere al programma di aiuti del Fondo Monetario Internazionale e di introdurre misure di controllo sulla circolazione dei capitali.

Unica soluzione possibile rimane l’azione della banca centrale turca ovvero con un ingente aumento dei tassi d’interesse (al momento al 19%). L’economia turca viaggia su una strada molto pericolosa. Per mantenere una crescita del PIL superiore al 5% Erdogan tollera un tasso di inflazione al 16% mettendo sotto pressione il governatore dell’istituto centrale turco per non rialzare i tassi.

Riteniamo che il rialzo dei tassi sia inevitabile. Ci aspettiamo un possibile recupero della lira turca nel medio/breve periodo con il cambio USD/TRY che possa tornare verso i supporti a 5,70 (obiettivo ribassista a 5,10 in caso di cedimento di 5,70). Attenzione che nel brevissimo le tensioni potrebbero essere ancora alte e non ci stupirebbe rivedere l’USD/TRY anche a 6,50.

 

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.