Trading sul petrolio

Scopri perché il petrolio è un mercato importante e quali sono i fattori che ne influenzano il prezzo.

Cosa rende il trading sul petrolio tanto popolare?

Non è un caso che i trader chiamino il petrolio "oro nero". Infatti è una delle risorse più preziose del pianeta e, nonostante l'ascesa delle energie rinnovabili, l'economia globale fa ancora largamente affidamento sul greggio.

Tuttavia si tratta di una risorsa finita e per questo i rialzisti sono convinti che il prezzo del petrolio possa solo aumentare in futuro. Tuttavia, questo mercato sarà sempre caratterizzato da marcata volatilità ed è precisamente questo che stimola l'interesse dei trader.

Perché fare trading sul petrolio con IG Bank?

  • Spread ridotti

    Trading su Brent e US Crude a partire da soli 2,8 punti con i nostri contratti senza scadenza, e su Natural Gas a partire da soli 3 punti.

  • Ampia scelta di mercati

    Trading con i CFD su US Crude, Brent Crude, Heating Oil, London Gas Oil, Natural Gas e No Lead Gasoline.
  • Analisi dei nostri esperti

    Accesso a tutte le ultime notizie, i commenti sui mercati e le analisi dei nostri esperti.

Prezzi in tempo reale

Mercati Vendi Compra
Oil - US Crude
liveprices.javascriptrequired
-
Oil - Brent Crude
-
-
Natural Gas
-
-
Olio combustibile
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti a termini e condizioni del sitoI prezzi sono puramente indicativi.

I nostri spread sul petrolio

Mercato

Spread

Oil - US Crude 2.8
Oil - Brent Crude 2.8
Natural Gas 3
Heating Oil 20
No Lead Gasoline 30
London Gas Oil 1

 

Tutte le energie sono senza scadenza. Per gli spread sui future e ulteriori informazioni, consultare i nostri dettagli operativi.

Cosa influenza l'andamento del mercato del greggio?

Come per ogni asset finanziario, il fattore che incide sul prezzo del greggio è il rapporto tra offerta e domanda.

Il petrolio trova applicazione in una vasta gamma di settori, principalmente nel trasporto, ma anche in campo industriale per la produzione di plastica, in quello farmaceutico e altri ancora. Per cui, se l'economia mondiale cresce e il settore industriale si espande, sarà necessaria una maggiore quantità di petrolio. Se l'offerta non riesce a soddisfare la crescente domanda, il prezzo del greggio aumenta.

Tuttavia, è vero anche il contrario. Infatti, l'economia globale tende ad avere meno bisogno di petrolio in periodi di recessione. Se la produzione di greggio resta a livelli elevati, i prezzi diminuiscono man mano che l'offerta supera la domanda.

Valutare la domanda e l'offerta

All'inizio del secolo, era piuttosto facile analizzare i mercati petroliferi. Gli Stati Uniti erano di gran lunga il principale consumatore di petrolio al mondo e i paesi OPEC erano il loro principale fornitore. Nel corso degli anni, tuttavia, il quadro è cambiato: le innovazioni nella tecnologia di trivellazione hanno ampliato l'offerta, sono sorte alternative e la Cina è diventata uno dei maggiori consumatori di petrolio.

Di seguito elenchiamo alcuni dei fattori più importanti che incidono sulla domanda e sull'offerta di petrolio oggi.

Fattori che incidono sull'offerta

OPEC

Ogni mese l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) pubblica un rapporto sulla quantità di petrolio prodotta dai paesi membri. Nel 2016 questi 14 paesi hanno prodotto oltre il 40% del petrolio mondiale e, per questo motivo, il rapporto OPEC può essere un utile indicatore dell'offerta globale di greggio.

Ancora più importanti sono le riunioni dell'OPEC, in cui si discutono i livelli futuri di produzione. Se tutti i membri dell'OPEC si accordano su questi livelli, possono acquisire il potere di influenzare considerevolmente i prezzi del petrolio.

Tuttavia, a volte la situazione geopolitica può rendere difficile un accordo. Nel 2014, ad esempio, i paesi OPEC non sono riusciti ad accordarsi su un blocco della produzione in risposta al rallentamento della crescita cinese e l'ascesa dello shale oil americano. Il surplus di offerta ha determinato il crollo dei prezzi.

Paesi non-OPEC

Ad oggi i tre maggiori produttori di petrolio sono la Russia, l'Arabia Saudita e gli Stati Uniti.

Solo uno di questi paesi, l'Arabia Saudita, è attualmente membro dell'OPEC, e il ruolo della Russia e degli Stati Uniti nel fissare i prezzi del petrolio non deve essere sottovalutato. Pertanto, tenere sotto controllo i livelli di produzione al di fuori dell'OPEC può essere complicato.

Problemi nell'offerta

Gran parte del petrolio mondiale viene prodotto in Medio Oriente, il che significa che conflitti e terrorismo possono avere un impatto sui prezzi del greggio. Un esempio possono essere gli anni 2000, quando la guerra in Iraq portò a un grave deficit di offerta.

In altre parti del mondo, anche i fenomeni atmosferici possono incidere sul prezzo del petrolio. L'uragano Katrina, ad esempio, ha portato all'aumento dei prezzi a seguito della distruzione di un importante oleodotto.

Fattori che incidono sulla domanda

Dati sul petrolio USA

La richiesta di petrolio degli USA è leggermente diminuita negli ultimi anni. Infatti, è stata la crescita economica cinese a sostenere la ripresa del petrolio dopo la recessione del 2008. Tuttavia gli Stati Uniti sono ancora il maggiore consumatore di petrolio al mondo e le scorte di greggio dell'EIA (Energy Information Administration) indicano chiaramente come si evolve la domanda. 

Dati economici globali

La Cina ad oggi è probabilmente il secondo maggior consumatore di petrolio al mondo, tuttavia i dati sul consumo effettivo di petrolio che fornisce non sono affidabili. Per contro, le compagnie petrolifere possono basarsi sui maggiori comunicati economici che forniscono una visione più ampia della crescita cinese e, di conseguenza, un'idea della direzione futura della domanda.

Risorse alternative

Con il progresso della tecnologia, oggi il mondo tende a far sempre meno affidamento sul petrolio, mentre si rendono disponibili fonti energetiche alternative. L'ascesa delle energie rinnovabili dovrebbe portare a un calo della domanda di petrolio. Tuttavia, è ancora in dubbio se queste alternative siano sufficienti da sole a contrastare la scarsità di greggio.

Valore del dollaro americano

Le materie prime sono in genere quotate in dollari. Questo vuol dire che i prezzi del petrolio possono essere fortemente influenzati dalle oscillazioni della valuta statunitense. Quando il dollaro è debole, investire nel petrolio è più redditizio, di conseguenza aumenta la domanda. Senza una conseguente crescita dell'offerta in risposta all'accresciuta domanda, i prezzi salgono.

 

Brent crude vs WTI

Il Brent crude e il West Texas intermediate (WTI) sono due dei maggiori indici di riferimento del mercato petrolifero (benchmark). Il prezzo solitamente citato per il petrolio fa riferimento a uno di questi due mercati.

  • Il Brent crude si riferisce al petrolio estratto nel Mare del Nord, principalmente nei giacimenti petroliferi di Brent, Osberg, Forties o Ekofisk.
  • Il West Texas si riferisce al petrolio prodotto in Nord America. Tra tutti i maggiori benchmark, il WTI vanta la migliore qualità. Nella piattaforma di trading IG, il WTI è indicato con la denominazione di US Light Crude.

Scopri di più su come fare trading sul petrolio.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e non richiede obbligo di deposito o di transazione.

FAQ

Cos'è il greggio?

Il greggio è una forma di petrolio che può essere raffinato per alimentare l'economia mondiale in vari campi. Benché solitamente venga citato un solo prezzo di quotazione per il petrolio, in realtà esistono vari tipi di greggio.

Questi tipi differenti vengono definiti benchmark ed indicano uno specifico luogo di trivellazione ed una particolare caratteristica del prodotto estratto. Il petrolio di maggiore qualità tende ad avere un basso contenuto di sulfuri (e per questo definito "dolce" dai trader) ed una bassa densità (per questo definito "leggero"). Tre sono i maggiori benchmark: il Brent crude, il WTI e il Dubai/Oman.

Oltre al greggio, è possibile fare trading anche sul gas naturale e olio combustibile.

Posso fare trading sul petrolio con i CFD?

Sì. Comprare o vendere un contratto CFD sul petrolio equivale a scambiare un contratto future sul sottostante. Ad esempio, acquistare un CFD sul Brent Crude equivale ad acquistare 1000 barili del sottostante. Puoi negoziare frazioni di contratto per limitare il rischio e aprire posizioni sia su mercati in rialzo che in ribasso. 

Scopri di più sul trading con i CFD.

Potrebbero interessarti anche...

  • Piattaforme e app

    Prova la nostra piattaforma online e le nostre app per smartphone e tablet.

  • Trading sul forex

    Fai trading su coppie valutarie come EUR/USD con spread a partire da 0,6 pip. 

  • Chi siamo

    Da oltre 40 anni il nostro impegno è innovare il modo di fare trading.

Contattaci

Il nostro Helpdesk in italiano è disponibile dal lunedi al venerdi dalle 8:15 alle 22:15. Al di fuori di questi orari il nostro staff di lingua inglese situato nei nostri uffici nel mondo, sarà a vostra disposizione durante il fine settimana a partire dalle ore 9:00 del sabato (CET).