Quali sono le migliori azioni sul litio da monitorare?

L'aumento della produzione delle automobili elettriche ha fatto salire la domanda per il litio, che è raddoppiata negli ultimi dieci anni. Scopri di più sul mercato del litio e quali sono le principali azioni del settore.

Come viene utilizzato il litio?

Il litio è da sempre utilizzato per fini industriali, nella produzione di vetro e ceramica, ma oggi è usato soprattutto come componente chiave per la creazione di batterie, dagli smartphone ai tablet, dalle vetture elettriche agli scooter.

Siamo ancora agli albori, ma l'aumento dei veicoli elettrici ha portato ai livelli massimi della domanda per il litio. Nel 2010, più del 40% del litio veniva impiegato per creare vetro e ceramica, mentre la produzione di batterie rappresentava soltanto il 14%. Oggi, più della metà del litio in circolazione viene utilizzato per la produzione di batterie ricaricabili e, per via del costante aumento di vetture elettriche e dispositivi portatili, l'impiego in questi settori è destinato ad aumentare ulteriormente nei prossimi dieci anni. Di seguito, un grafico che mostra l'utilizzo del litio prodotto nel 2019.

Dove si trova e come viene prodotto il litio?

Il litio è prevalentemente prodotto da due fonti diverse: minando la roccia dura o tramite l'estrazione di giacimenti di salamoia. I giacimenti di salamoia sono fondamentalmente accumuli di acque sotterranee che contengono litio, che viene estratto come il sale. L'estrazione dalla roccia dura viene effettuata seguendo il metodo tradizionale, ovvero prelevando un minerale che contiene litio, lo spodumene.

Le riserve di litio sono concentrate in pochi paesi del mondo. Il Cile possiede più della metà delle riserve di litio del mondo, seguita dagli altri produttori principali: Australia, Argentina e Cina. L'Australia è il principale produttore di litio del mondo. Il Sud America è noto per le miniere di salamoia, mentre l'Australia è il primo produttore di litio tramite l'estrazione dalla roccia dura.

Mentre la domanda per la produzione di batterie è in costante aumento, la produzione di veicoli elettrici sta aumentando. Gli sviluppatori delle batterie sono sempre al lavoro per renderle più leggere, per aumentare la durata e diminuire i tempi di ricarica, e parte di questi processi è correlato al tipo di litio utlizzato. Alcune società, come Tesla, hanno lavorato sul coefficiente dei metalli, nel tentativo di migliorare la gamma di batterie disponibili, che include altri metalli importanti, come il nickel e il cobalto.

Esistono molti tipi di litio e ciascuno è adatto a scopi diversi. I due tipi di litio predominanti sono il carbonato e l'idrossido di litio. L'idrossido di litio è considerato il prodotto più adatto alla produzione di batterie (anche se alcune sono prodotte con il carbonato di litio).

In particolare, il litio estratto dallo spodumene può essere trasformato sia in idrossido che carbonato, mentre il litio estratto dalla salamoia deve essere trasformato in carbonato, prima di essere convertito in idrossido. Questo è uno dei motivi per cui vi è un consenso crescente nell'utilizzo del litio estratto dalla roccia dura, poiché è più adatto all'industria dei veicoli elettrici.

Quale futuro per il litio?

Sebbene il litio possa essere impiegato in svariati settori (ad esempio, è utilizzato nei farmaci che curano la depressione e nelle leghe per via delle sue proprietà ultraleggere), si ritiene che l'ammontare della domanda proveniente dall'industria delle vetture elettriche sorpasserà quella corrente, che verte a favore dei mercati tradizionali. Ciò significa che il futuro del litio sarà caratterizzato da un impiego sempre maggiore nella produzione di automobili elettriche.

Il mercato dei veicoli elettrici è ancora nella fase iniziale. Solo 3 automobili su 100 vendute nel 2019, in tutto il mondo, erano elettriche, secondo il sondaggio della International Energy Agency (IEA), cifra record che ha toccato i 2,1 milioni di auto vendute. Per l'inizio del 2020, erano previste oltre 7 milioni di automobili elettriche sulle strade, in netta crescita rispetto ai soli 17.000 esemplari che circolavano nel 2010. La Cina, in particolare, ha rappresentato il mercato principale, con l'acquisto di quasi la metà di tutte le auto elettriche prodotte nel 2019.

Tuttavia, dopo diversi anni di crescita, il mercato delle automobili elettriche sembra aver raggiunto una fase di stallo. La vendita annuale (YoY) è aumentata del 30% nel triennio 2016/2018, ma solo del 6% nel 2019. Ciò è dovuto a un'offerta più ampia nel settore automobilistico, alla riduzione degli incentivi per l'acquisto di auto elettriche in Cina e USA e perché i consumatori aspettano un miglioramento delle batterie e l'installazione di un numero superiore d'infrastrutture.

La pandemia del coronavirus ha esacerbato i problemi dell'industria automobilistica, perché adesso le persone viaggiano e spendono meno. Le vendite delle automobili sono sprofondate e la IEA stima un calo del 15% per il 2020, mentre le cifre delle automobili elettriche dovrebbe restare pressoché stabili rispetto ai dati del 2019. A lungo termine, alcuni credono che il virus potrebbe accelerare il passaggio alle auto elettriche, con nazioni come gli USA che vogliono ricostruire il presente e il futuro (secondo lo slogan 'build back better'), investendo nella green economy.

Questo ha provocato una forte pressione sui prezzi del litio dall'inizio del 2019, che si è protratta nel 2020 a causa del covid. L'inizio della fase di ripresa economica resta molto incerto, che potrebbe influenzare i prezzi a breve termine, ma i fondamentali del metallo sono forti a lungo termine, specie se il mondo continuerà a adottare gradualmente le automobili elettriche.

Come fare trading con le azioni sul litio

Con IG Bank, puoi fare trading con la pluripremiata piattaforma online e inserire posizioni long e short con le azioni sul litio, in base alle tue previsioni. Vai long (buy), se pensi che il valore delle azioni aumenterà, oppure vai short (sell), se pensi che il valore delle azioni diminuirà.

Per aprire una posizione, segui questi semplici passaggi:

  1. Apri un conto reale, oppure effettua il login al tuo conto IG Bank.
  2. Inserisci il nome del titolo azionario sul litio nella barra di ricerca e selezionalo.
  3. Seleziona la size della posizione
  4. Clicca su 'buy' o 'sell' nel ticket di negoziazione
  5. Inserisci l'operazione di trading

Le 5 migliori azioni sul litio

Il mercato del litio, in passato, era dominato quasi esclusivamente da 3 sole società: Albemarle, Sociedad Quimica y Minera de Chile e FMC, che producevano oltre la metà delle riserve di litio di tutto il mondo. Tuttavia, il mercato è cambiato nettamente durante l'ultima decade per via dell'aumento della domanda di litio, che ha incoraggiato molte società a entrare nel mercato, intaccando il dominio delle tre grandi società produttrici.

Alcune aziende cinesi, come Tianqi Lithium e Ganfeng Lithium, entrambe incoraggiate dai tentativi della Cina di dominare il mercato del litio e 'elettrificare' la nazione, sono diventate importanti. La Cina è uno dei pochi paesi che possiede una quantità significativa di riserve di litio, ed è uno dei più grandi produttori di batterie per veicoli elettrici e rivaleggia con Giappone e Corea del Sud, secondo McKinsey.

Inoltre, la decisione di FMC di uscire e cambiare il nome del business del litio come Livent Corporation nel 2018, indica che adesso FMC è concentrata sui prodotti agricoli. Di seguito, un grafico che mostra le azioni del mercato della produzione del litio nel 2019.

Albemarle

Albemarle è da molto tempo la principale azienda produttrice di litio. L'azienda statunitense possiede miniere di salamoia e roccia dura in Cile, Australia e negli USA, producendo sia il carbonato di litio che l'idrossido di litio. Inoltre, possiede anche una delle più grandi reti di impianti di trasformazione.

I suoi impianti producono batterie al litio per l'Europa, l'Australia, la Cina, il Cile e gli USA. Nonostante il mercato dell'auto elettrica sia la forza principale dietro la crescita della società, Albemarle crea oltre 100 tipi diversi di prodotti con il litio, distribuiti tra numerose industrie di tutto il mondo.

Albemarle non produce soltanto litio, ma anche catalizzatori e bromo, utilizzati dalle industrie farmaceutiche e da diversi altri tipi d'industrie. Questa diversificazione compensa le eventuali perdite di un settore e le entrate vengono distribuite in tutte e tre le divisioni. Tuttavia, il litio è alla base della strategia di 'crescita aggressiva' adottata dalla società, ed è il settore a crescita rapida e con più margine di Albemarle.

Sociedad Quimica y Minera de Chile

Sociedad Quimica y Minera de Chile (SQM) è quotata negli USA, ma ha sede nel deserto di Atacama in Cile, dove ha accesso a enormi riserve di caliche e salamoia, che consentono la produzione di una vasta selezione di materie prime: il caliche contiene iodio e nitrato, mentre la salamoia contiene litio e potassio.

Si dice che le sue riserve di salamoia 'contengano la più alta concentrazione di litio e potassio' del mondo, e produce anche altri tipi di materie prime, come il solfato e il boro.

Il litio è soltanto una piccola parte del business, ma SQM è impegnata adesso nell’espandersi rapidamente, in vista di un picco della domanda di produzione di automobili elettriche. L'obiettivo è quello di raddoppiare la produzione da 55.000/66.000 tonnellate di litio nel 2020, a 120.000 tonnellate nel 2021 e sta espandendo la sua capacità di produzione di carbonato e idrossido di litio.

Questa operazione è visibile nell'espansione delle operazioni di estrazione dalla roccia dura in Australia del 2017, tramite una venture con Kidman Resources.

Ganfeng Lithium

Ganfeng Lithium è una società cinese quotata a Shenzen e Hong Kong, e offre l'esposizione maggiore della filiera di produzione del litio. Estrae litio da quattro progetti basati sull'estrazione dalla roccia dura: Ganfeng in Cina e tre in Australia, chiamate Mount Marion, Pilbara e Altura.

Tuttavia, la società ha acquistato anche riserve di salamoia e argilla, investendo denaro o collaborando con altre aziende che operano in Argentina, Messico e Irlanda. Ganfeng possiede anche numerose, estese operazioni in Cina nella produzione di carbonato e idrossido di litio.

Il punto di forza esclusivo di Ganfeng riguarda la produzione di batterie e il servizio di riciclo e recupero, il che significa che espone il valore dell'intera filiera produttiva. È già un partner importante di altre società che producono batterie, come BYD, e di quelle che producono veicoli elettrici, come Tesla.

Tianqi Lithium

Tianqi Lithium è l'altra principale società cinese presente nel mercato, ma è quotata soltanto in Cina. La società ha avuto una rapida espansione, acquistando e investendo in progetti di estrazione del litio, con risorse in Australia, Cile e Cina. Ciò include il 51% del pacchetto azionario della miniera di litio più grande del mondo, Greenbushes, in Australia, che possiede insieme ad Albemarle.

Sta anche sviluppando la centrale d'idrossido di litio Kwinana in Australia, che verrà fornita da Greenbushes. Ha acquistato una quota importante di SQM nel 2018, dove ha investito oltre $4 miliardi nella società cilena.

Livent Corp

Livent Corp è diventata la più grande azienda produttrice di litio quotata in borsa fuori dalla Cina quando, nel 2018, si è separata da FMC. FMC ha diviso il business del litio per concentrarsi nella produzione di prodotti agricoli.

Il progetto principale di Livent è una riserva di salamoia situata a Salar del Hombre Muerto in Argentina, che è in attività da oltre 20 anni. La riserva fornisce carbonato di litio in diversi impianti distribuiti tra USA, Regno Unito, Cina e India, che si occupano della trasformazione della materia prima nell'idrossido di litio per il mercato delle automobili elettriche, il butillitio, utilizzato nei polimeri e dalle industrie farmaceutiche, e una selezione di composti speciali di litio usati per costruire parti di vetture aerospaziali.

L'Argentina possiede la sua fonte di litio, ma Livent vende la maggior parte dei suoi prodotti in Asia, che rappresenta il 59% delle entrate. Come è stato detto in precedenza, 'ci aspettiamo che il valore delle azioni dell'idrossido di litio, dello stoccaggio di energia e del mercato asiatico in temini di ricavi totali per produzione, applicazione e area geografica, rispettivamente, aumenti', mentre il mercato delle automobili elettriche riprende lo slancio.

Altre azioni sul litio da osservare

In basso, un elenco dei piccoli produttori di litio di tutto il mondo da monitorare, che include alcuni ancora in fase di esplorazione o di sviluppo.

  • Lithium Americas: società canadese quotata a Toronto e New York con due progetti sul litio in fase di sviluppo. Questi sono alcuni dei progetti per l'estrazione di litio dalla salamoia di Cauchari-Olaroz in Argentina e il progetto di Thacker Pass negli USA con la roccia dura (che sostiene di possedere la più grande riserva di litio degli Stati Uniti).
  • Orocobre: società australiana che sta sviluppando il progetto Olaroz in Argentina per produrre carbonato di litio, e possiede anche il 35% del pacchetto azionario di Advantage Lithium, che ha ceduto le azioni nel 2016. L'obiettivo principale di Advantage Lithium è quello di creare una joint venture per sviluppare il progetto Cauchari, situato a sud di Olaroz. Orocobre produce anche borati provenienti da altri progetti presenti nel paesi.
  • Pilbara Minerals: società australiana che possiede interamente il progetto Pilgangoora, per la produzione di litio e tantalio. Si tratta di un progetto che punta a produrre fino a 1,2 milioni di tonnellate di spodumene e un milione di libbre di tantalio all'anno.
  • Galaxy Resources: società australiana che sta già producendo litio dalle miniere di roccia dura, con il progetto denominato Mount Cattlin in Australia. Possiede anche due altri maggiori progetti in fase di sviluppo, Sal De Vide Catamarca in Cile (salamoia) e James Bay in Canada (roccia dura).
  • Bacanora Lithium: si tratta di una società a bassa capitalizzazione con sede a Londra, che sta sviluppando il progetto Sonora Lithium in Messimo e ha investito su Deutsche Lithium, che possiede il progetto Zinnwald in Germania.

I migliori ETF sul litio

Oltre al trading con le azioni per accedere ai mercati del litio, con IG Bank è possibile operare con gli exchange-traded funds (ETF), una modalità che permette agli investitori di esporsi sui mercati con rischio minimo. Gli ETF hanno lo stesso andamento delle azioni, con la differenza che il loro valore è derivato dall'investimento di numerose società che operano nello stesso settore. Puoi quindi investire su una fetta di varie società del litio acquistando un ETF, anziché puntare tutto il tuo capitale scegliendo soltanto un titolo azionario.

Gli ETF, tuttavia, possono essere vulnerabili a qualsiasi calo che potrebbe colpire il litio o le azioni sui produttori di batterie e non hanno la stessa diversificazione, o le stesse proprietà 'difensive', che alcuni dei più grandi produttori di litio offrono.

Scopri di più sul trading con gli ETF di IG Bank.

Global X Lithium & Battery Tech ETF

Il Global X Lithium & Battery Tech ETF racchiude una gamma di società che produce litio o batterie al litio, dando la possibilità di esporsi sia sul mercato del litio che su quello delle batterie. Più del 70% degli investimenti è destinato alle società asiatiche, il resto in società con sede negli Stati Uniti. Le sue dieci migliori società, che rappresentano il 57% complessivo del portafoglio, fino al 18 agosto, erano:

% del portafoglio
Albemarle 10,45%
Tesla 6,67%
LG Chem 6,63%
BYD 5,73%
Ganfeng Lithium 5,60%
NAURA Technology Group 4,96%
Contemporary Amperex 4,95%
Samsung SDI 4,55%
Sunwoda Electronic 3,76%
Yunnan Energy New Material 3,62%

ETFS Battery Tech and Lithium ACDC

L'ETFS Battery Tech & Lithium ETF investe in società di tutto il mondo che producono batterie e nelle società minerarie che producono le materie prime necessarie per realizzarle. Più della metà del pacchetto azionario è stato destinato a società asiatiche, mentre il resto è equamente suddiviso tra USA ed Europa. Le sue dieci migliori società, che rappresentano il 44% complessivo del portafoglio, fino al 18 agosto, erano:

% del portafoglio
Tianneng Power International 5,41%
Tesla 5,25%
LG Chem 4,79%
Pilbara Minerals 4,48%
Mineral Resources 4,40%
SolarEdge Technologies 4,34%
Galaxy Resources 4,33%
Samsung SDI 3,74%
BYD 3,56%
Renault 3,54%

Data di pubblicazione : 2020-12-09T08:40:54+0000

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Scopri come fare trading sui mercati

Esplora la selezione di mercati disponibili e scopri come funzionano, con il corso di introduzione ai mercati finanziari di IG Academy.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è un nostro impegno: saprai sempre costi e commissioni applicati

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading