Indice Mib in leggero rialzo, focus su trimestrale Unicredit

Rosso di 1,18 miliardi per Unicredit, che si prepara al cambio di vertice. Ftse Mib si mantiene in rialzo, dollaro torna a perdere terreno dopo balzo delle ultime ore – EUR/USD a 1,21

Avvio cauto per il Ftse Mib, che a oltre un'ora dall’avvio della sessione avanza dello 0,32%, mantenendosi comunque al di sopra di quota 23.000 punti (23.339 alle 10:30).

Bene anche il resto degli azionari europei in apertura: l'indice di borsa europeo Stoxx 600 apre in rialzo dello 0,2%, l'indice britannico Ftse avanza dello 0,1%, il tedesco Dax guadagna lo 0,2%, il francese Cac 40 è a +0,3% e lo spagnolo Ibex è in rialzo dello 0,1%.

Cosa sta influendo sulle azioni del Ftse Mib?

Oggi il focus sull’azionariato di Milano è tutto per le banche, protagoniste anche negli ultimi giorni mentre si susseguono le pubblicazioni delle trimestrali relative agli ultimi tre mesi del 2020.

Ieri sera è stato il turno di Unicredit: nel quarto trimestre Gae Aulenti ha registrato una perdita, superiore alle attese, di 1,18 miliardi dovuta soprattutto a una svalutazione dell'avviamento della divisione Corporate & Investment Banking. La banca ha annunciato che distribuirà agli azionisti 1,1 miliardi nel 2021, tra riacquisti di azioni proprie e dividendi in contanti.

Sul fronte cambio di guardia al vertice, Jean Pierre Mustier ha concordato con il Cda di risolvere anticipatamente il suo rapporto di lavoro con la banca a far data da oggi. Il consiglio ha quindi deliberato la nomina dell'attuale co-Chief Operating Officer Ranieri de Marchis come direttore generale, "al fine di assicurare la piena continuità manageriale alla guida del gruppo".

Al momento le azioni Unicredit perdono il 2,29% e scendono a 8,50 euro l’una.

Con Unicredit si chiude la stagione delle trimestrali per le banche italiane. Il rosso con cui la maggior parte degli istituti ha chiuso i bilanci non sorprende, dopo un 2020 caratterizzato da una profonda e improvvisa crisi economica. La sfida per le banche ora è ridurre i crediti deteriorati, come ha ricordato ieri in audizione parlamentare il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, sottolineando anche come Bankitalia stimi un incremento dei crediti problematici a fine 2022 inferiore ai 100 miliardi di euro per gli istituti italiani e, in ogni caso, su livelli "molto lontani da quelli raggiunti a fine 2014-15".

Quanto al resto dell’indice segna un rialzo dello 0,44% il titolo Stellantis, che ha già iniziato a vaccinare i dipendenti di uno dei propri impianti negli Usa.

Occhi anche su Mediaset, a +0,18% in attesa dell'udienza finale sulle cause civili intentate da Mediaset e Fininvest nei confronti di Vivendi per il mancato acquisto di Premium e il successivo tentativo di scalata, in programma per stamattina.

Quali notizie dal resto dei mercati finanziari?

  • Usa – futures in rialzo su Wall Street, nonostante la frenata con cui gli azionari Usa hanno chiuso la giornata di ieri (positivo solo il Dow Jones che, in rialzo dello 0,20%, durante la sessione ha aggiornato i suoi record arrivando a 31.511,44 punti). Ieri il presidente Usa Joe Biden ha parlato per la prima volta in veste ufficiale con il suo omologo cinese Xi Jinping, raggiunto per via telefonica.
  • Forex – i deboli dati sull’inflazione Usa rilasciati ieri, che hanno mostrato un indice dei prezzi al consumo sostanzialmente fermo sullo zero, hanno portato per un attimo a un rialzo del dollaro, che ha abbandonato i minimi su cui viaggiava da due settimane complice anche la rinnovata volontà della Fed di mantenere i tassi rasenti lo zero almeno fino a quando i prezzi al consumo non saranno tornati attorno al 2%. In mattinata tuttavia il Dollar Index si assesta sui valori della vigilia a quota 90,35, mentre torna a perdere terreno verso l’euro (EUR/USD in rialzo a 1,2129) e la sterlina (GBP/USD a 1,3828.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 80 indici tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading