Prezzo dell’oro in calo ai minimi di dicembre: cosa succede?

Inversione di tendenza delle quotazioni dell’oro, in contemporanea ai dati macro sull’occupazione Usa che ravvivano timori sull’inflazione

Tornano a scendere le quotazioni dell’oro, che da mercoledì scorso hanno perso oltre il 7% e, al momento in cui si scrive, viaggiano a 1.842 dollari.

Il calo prosegue in concomitanza con il rafforzamento del dollaro. Il dato sui non-farm payrolls Usa, venerdì, ha fotografato un peggioramento del contesto occupazionale statunitense (a dicembre sono andati perduti 140 mila posti di lavoro; gli analisti si attendevano un aumento fino a 71 mila unità), ma d’atro canto il Labour Department ha segnalato anche un aumento della retribuzione oraria media mensile, passata dal 4,4% di novembre al 5,1% di dicembre.

Non solo: negli ultimi giorni ha dato da pensare anche il comune denominatore tra oro e Bitcoin: negli ultimi giorni infatti l’impressione condivisa dagli esperti è stata quella secondo cui anche la valuta digitare inizierebbe a essere presa in considerazione come asset rifugio.

Perché il prezzo dell’oro è tornato a scendere?

Se non fosse che i Bitcoin si sono dimostrati ben più volatili del tradizionale metallo prezioso. E proprio l’aumentare dell’appetito degli investitori per asset più volatili, ma che negli ultimi giorni hanno visto il proprio valore schizzare a livelli stellari (è il caso dei Bitcoin, ma anche le azioni Tesla si confermano un porto tradizionale per gli operatori più avventurosi), potrebbe essere tra le cause dell’indebolimento dell’oro.

In poco meno di una settimana il metallo prezioso ha perso oltre il 7% del suo valore, passando da 1.950 dollari l’oncia agli attuali 1.836, dopo essere sceso in giornata fino a 1.817 dollari. Un’inversione di tendenza che funge da cartina al tornasole degli ultimi avvicendamenti politici, soprattutto negli Stati Uniti.

Cosa sta influendo sul prezzo dell’oro?

Con la campagna di vaccinazione anti-covid ormai avviata pressoché in tutto il mondo e la prospettiva del democratico Joe Biden alla Casa Bianca (la cerimonia di insediamento è in programma per il prossimo 20 gennaio), sembra tornare una certa fiducia nella ripresa economica.

Ripresa che promette di essere trainata soprattutto dall’aumento degli aiuti fiscali previsto nell’agenda dell’amministrazione Biden: agli originari 900 miliardi di dollari, promessi in extremis dal Congresso Usa alla fine dell’anno, potrebbero aggiungersi ulteriori aiuti per un totale di 3.000 miliardi di dollari.

Secondo alcuni esperti, la prospettiva di tali stimoli sarebbe alla base anche del recente balzo del Bitcoin, che nell’ultima settimana ha visto il proprio valore aumentare di oltre il 40% fino a sfondare la soglia dei 41 mila dollari – salvo poi invertire la tendenza già da sabato: al momento la criptovaluta viene scambiata per quasi 32 mila dollari, in calo di oltre il 15%.

E proprio l’immissione di nuova liquidità nel sistema fa temere per il conseguente aumento dell’inflazione e perdita di potere d’acquisto, alla base del rialzo negli acquisti del metallo prezioso in previsione dell’aumento dei prezzi al consumo.

Come si sta muovendo il dollaro?

Nel frattempo il dollaro recupera terreno. Oggi è il terzo giorno di rialzo per il biglietto verde, che si apprezza sulla scia dell'incremento dei rendimenti dei Treasuries (a 1,12% sui titoli a dieci anni) Usa e sulle attese di un ulteriore stimolo fiscale negli Stati uniti.

Conseguenza del rialzo del dollaro è il calo della coppia valutaria EUR/USD, che a mezz’ora dall’avvio della seduta di Wall Street quota a 1,2155, il minimo dal 21 dicembre e in calo rispetto a 1,2349 della scorsa settimana.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Approfitta della volatilità sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold, 2 punti sullo Spot Silver e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Vedi opportunità sulle materie prime?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Passa a un conto reale.

  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading