Prezzo barile in calo, settore oil a Milano in lenta ripresa

Azioni Eni, Saipem e Tenaris in recupero dopo avvio al di sotto della parità. Petrolio in calo, prezzo in rialzo stabile solo nella seconda metà dell’anno

Il prezzo del barile fatica ancora a riprendere quota, dopo il calo con cui i principali benchmark globali hanno chiuso la scorsa settimana. Se venerdì le quotazioni sono arrivate a perdere il 2,64%, arrivando a un minimo di 51,88 dollari al barile, il Wti, e il 2,84% (54,65 dollari la barile), il Brent, l’avvio della settimana prosegue sulla falsariga delle ultime perdite: il Brent viaggia sui 55 dollari (-0,88%) mentre il Wti viene scambiato per 52,32 dollari (-0,08%).

Le prospettive per il 2021

Già la settimana scorsa il report nel breve termine sul mercato dell’energia stilato dall’Eia (Energy Information Administration) lasciava intravedere segnali positivi per la ripresa della domanda nei prossimi mesi.

Secondo l’autorità energetica, entro i 2021 il prezzo del barile potrebbe tornare intorno ai 53 dollari di media (l’Eia prende in riferimento l’andamento del Brent), contro i 42 dollari dell’anno che si è appena concluso.

Ma, tra le previsioni, quella dell’Eia è la più pessimistica. Andando avanti nel tempo, Goldman Sachs prevede che un barile di Brent potrà arrivare a costare in media fino a 65 dollari nel 2021. Come mai? Secondo la banca d’affari statunitense, l’aumento del prezzo è legato allo sforzo aggiuntivo da parte dell’Arabia Saudita per tagliare la propria produzione di greggio ulteriormente rispetto a quanto concordato nella riunione dell’Opec+ che si è tenuta all’inizio del mese.

Leggermente più prosaica resta ANZ Bank, che prospetta un barile di Brent a 60 dollari di media nella seconda metà dell’anno. Anche in questo caso, la discriminante per il prezzo del petrolio è l’Arabia Saudita e il suo ruolo all’interno della strategia coordinata per il taglio alla produzione.

“La mossa dell’Arabia Saudita di tagliare la produzione di un milione di barili al giorno ha stabilizzato il mercato del petrolio nell’ambito di un rischio dell’attuale debolezza della domanda”, spiegano gli analisti si ANZ. “Il traffico aereo resta contenuto, mentre la domanda di carburante per il trasporto su gomma sta tornando a scendere”.

D’altra parte, per gli esperti di ANZ Bank restano comunque rischi di ridimensionamento della domanda nel breve termine, soprattutto in considerazione dell’andamento della pandemia di covid-19 – l’avvio della campagna di vaccinazione non aiuta i mercati a mostrarsi ottimisti davanti alle notizie delle nuove varianti in circolazione, più contagiose, e dei nuovi focolai che negli ultimi giorni sono scoppiati anche in Cina, dove la pandemia sembrava ormai sotto controllo.

Quali ripercussioni sul Ftse Mib?

Sull’indice di Milano la fluttuazione del prezzo del petrolio non ha inciso tropo sulle quotazioni dei titoli oil. Dopo un avvio al di sotto della parità i principali titoli energetici tornano a guadagnare, spinti anche dalla ripresa di quota di Piazza Affari – a metà seduta, l’indice Mib si lascai alle spalle le perdite con cui ha avviato la settimana e avanza dello 0,23%.

Alle 13:28 le azioni Eni avanzano dunque dello 0,43%, a 8,87 euro l’una; bene anche le Tenaris, a +0,85%, le Saipem, a +0,56%.

Senza spostarsi dal comparto energetico, rileva invece il tonfo di Snam, principale utility del gas in tutta Europa, che perde il 2,30% dopo il forte calo nel prezzo del gas naturale, che perde oltre il 4,75% oggi.

Come sfruttare le opportunità di trading?

Interessato al trading sulle materie prime? Apri un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG in pochi passi:

  1. Crea un contro IG o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Approfitta della volatilità sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold, 2 punti sullo Spot Silver e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Vedi opportunità sulle materie prime?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Passa a un conto reale.

  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Spread a partire da 0,3 punti sullo Spot Gold
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi opportunità sulle materie prime?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading