I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 71% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.

In quale misura le elezioni presidenziali USA influenzano i mercati azionari?

Il presidente Trump è in corsa per il suo secondo mandato da presidente degli Stati Uniti. In questo articolo analizzeremo come in passato le presidenziali abbiano influito sui mercati e come prepararsi alle prossime elezioni

Cicli elettorali USA: quanto durano le elezioni americane?

Negli Stati Uniti le elezioni si svolgono ogni quattro anni e sempre il primo martedì successivo al primo lunedì di novembre. Le campagne elettorali non seguono alcuna tempistica ufficiale e possono variare di durata. Ciò significa che le elezioni americane tendono a essere molto più prolungate rispetto ad altre democrazie occidentali e possono durare fino a 500 o addirittura 600 giorni, dall'inizio sino alla fine. Di seguito, riportiamo un modello fornito dal governo degli Stati Uniti che delinea il ciclo tipico di un'elezione:

  • Primavera dell’anno precedente alle elezioni: i candidati iniziano ad annunciare la loro intenzione di candidarsi per la presidenza
  • Estate dell’anno precedente l’elezione sino alla primavera dell’anno elettorale: i dibattiti stabiliscono quale membro di ciascun partito si candiderà alla presidenza.
  • Da gennaio a giugno dell’anno elettorale: si tengono le primarie e riunioni dei comitati per restringere l’elenco dei potenziali candidati. I leader in gara sceglieranno anche il loro compagno di corsa che, se vittorioso, assumerà di vicepresidente.
  • Da luglio a inizio settembre: i partiti tengono le convention per nominare il loro candidato alla presidenza
  • Settembre e ottobre: iniziano i dibattiti presidenziali tra i candidati di ogni partito
  • Inizio di novembre: i cittadini sono chiamati alle urne per scegliere il prossimo presidente degli Stati Uniti. Le elezioni si svolgono nell’arco di una giornata.
  • Dicembre: gli elettori votano al Collegio elettorale
  • Gennaio successivo: il Congresso conta i voti elettorali e li abbina ai risultati del voto popolare: viene dichiarato il vincitore
  • 20 gennaio: giuramento e insediamento ufficiale per il nuovo presidente.

Un presidente può essere eletto solo per un massimo di due mandati (otto anni). Le elezioni tendono a favorire il presidente in carica per il secondo mandato ma non è altrettanto raro che il partito opposto venga eletto una volta che un partito e il suo presidente abbiano concluso il loro secondo mandato.

Inoltre, è di vitale importanza ricordare che ‘il presidente non è scelto da un voto popolare nazionale’, cioè quello dei cittadini statunitensi, secondo il governo degli Stati Uniti. 'I totali dei voti del collegio elettorale determinano il vincitore, non la pluralità statistica o la maggioranza che un candidato può avere nei totali dei voti popolari nazionali'.

I voti elettorali vengono assegnati sulla base del voto popolare in ciascuno Stato, ma ‘è molto probabile che un candidato che riscuote il maggior numero di voti su base nazionale non vincerà il voto elettorale’. Ciò è avvenuto nelle elezioni del 2000, quando George W. Bush ha vinto nonostante abbia perso il voto popolare, e nelle elezioni più recenti che ci hanno portato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

In che modo le elezioni americane influiscono sul mercato azionario?

Le azioni e le obbligazioni registrano modeste performance prima delle elezioni

Sulla base dei dati del S&P 500 risalenti agli anni trenta, i modelli suggeriscono che le azioni e le obbligazioni hanno riportato una performance insignificante nell’anno precedente alle elezioni rispetto agli altri anni.

I guadagni medi negli ultimi 90 anni sono atterrati a circa il 7,5%, ma la media per l’anno precedente le elezioni si avvicina al 6%, secondo la Banca americana. La performance silenziata dei titoli tende a continuare anche nell’anno successivo alle elezioni, ma i bond tendono a ‘andare leggermente oltre le aspettative’.

In qualche modo, i mercati azionari seguono il ciclo presidenziale

Le prestazioni dell’economia e del mercato azionario sono in qualche modo correlate al ciclo presidenziale di quattro anni. Secondo Almanac, Stock Trader, nei primi due anni del mandato di un presidente, tendono a verificarsi delle recessioni e persino delle guerre, e nella seconda metà del mandato di un presidente è più probabile che si verifichi una crescita significativa.

Ciò significa che i risultati dei mercati non sono altrettanto positivi nei due anni successivi alle elezioni rispetto al terzo e al quarto anno.

I mercati preferiscono rieleggere un presidente piuttosto che sceglierne uno nuovo

I mercati non tendono ad avere una preferenza tra Democratici e Repubblicani nella Casa Bianca (anche se i Repubblicani hanno generato rendimenti medi migliori rispetto ai Democratici), ma i rendimenti sono generalmente più elevati quando un presidente (o un partito) viene rieletto rispetto a un nuovo presidente che entra al potere.

Ciò non sorprende in quanto un presidente in carica che cerca di rielezione fornisce agli investitori una certa certezza rispetto a quando nuovi contendenti di entrambe le parti si rivoltano per la presidenza, o c’è un rischio più elevato che l’opposizione possa vincere, potenzialmente introducendo un cambiamento radicale.

Ciò implica che le elezioni del 2020 dovrebbero essere più stabili per i mercati finanziari che nel 2016. Tuttavia, vale la pena sottolineare che il destino e il disprezzo che alcuni si aspettavano quando Trump è entrato nella Casa Bianca non si sono mai materializzati.

I mercati privilegiano un governo compatto e unito

Il sistema americano significa che la Casa Bianca, il Congresso e il Senato sono in palio per le elezioni. Ciò implica che un partito può vincere la presidenza, ma l'altro può ancora controllare la Camera dei rappresentanti o il Senato. Secondo una ricerca condotta da InvesTech, i rendimenti medi sono i più alti quando un partito controlla tutti e tre e sono leggermente più bassi quando uno possiede la Casa Bianca, ma un altro controlla sia la Camera che il Senato.

Tuttavia, quando un partito controlla la Camera e l'altro ha il Senato, i ritorni sono stati generalmente molto più difettosi (anche se ancora positivi). I presidenti esercitano un notevole potere sull'economia e sulle imprese. Ad esempio, il presidente deve scegliere il presidente della la Federal Reserve (Fed). Ma è il Congresso che passa le leggi e il Senato che le approva, in modo da averle dalla stessa parte del presidente è considerato importante se qualsiasi cambiamento reale deve accadere.

Come prepararsi per le elezioni americane del 2020

I risultati delle precedenti elezioni e l'impatto che hanno sui mercati possono aiutarvi a identificare modelli che potrebbero evidenziare opportunità se continuano a progredire – ma non sono una garanzia su ciò che accadrà nel 2020.

Lo stato dell'economia statunitense ha svolto un ruolo significativo nel decidere il risultato delle elezioni in passato, quindi lo stato di occupazione, salari, inflazione e simili alla produttività avranno tutti un ruolo importante nel dettare l'umore quest'anno. Tuttavia, è importante ricordare che i presidenti e le loro politiche possono avere un'influenza significativa sulla salute dell'economia statunitense. Ad ogni modo, eventi inaspettati, spesso legati alla difesa e alla politica estera, hanno assunto un punto centrale nelle precedenti elezioni, come il l’11 Settembre.

Di seguito è riportato un elenco delle tematiche più importanti per gli elettori americani secondo l'ultimo sondaggio condotto da Gallup tra il 2 dicembre e il 15 dicembre 2019. Ciò significa che alcuni eventi importanti non sono stati presi in considerazione, come gli eventi in Iran o l'epidemia del coronavirus, che potrebbero cambiare l'importanza di alcune questioni con l'andare avanti dell'anno. In particolare, se l’epidemia di coronavirus dovesse ancora essere fuori controllo quando le elezioni si terranno a novembre, allora Trump potrebbe vantarsi di un’economia significativamente più debole.

Estremamente importante Estremamente importante + molto importante
Assistenza sanitaria 35% 81%
Terrorismo e sicurezza nazionale 34% 80%
Politica delle armi 34% 74%
Istruzione 33% 83%
Economia 30% 84%
Immigrazione 28% 74%
Cambiamento climatico 26% 55%
Aborto 25% 64%
Distribuzione del reddito e della ricchezza 25% 58%
Deficit di bilancio federale 23% 72%
Tasse 23% 68%
Rapporti etnici 23% 66%
Infrastrutture 22% 74%
Affari esteri 21% 64%
Commercio internazionale 18% 68%
Diritti LGBT 11% 38%

Come fare trading sulle elezioni USA 2020

I cicli economici e aziendali tipici durano molto più a lungo di un mandato presidenziale (o anche di due), quindi gli investitori devono evitare di reagire a qualsiasi volatilità o incertezza a breve termine che emerge durante l’anno delle elezioni. L’unico e migliore modo per proteggersi da qualsiasi potenziale svantaggio che un'elezione offre è quello di assicurarsi di disporre di un portafoglio fortemente diversificato, capace di resistere a una crisi su qualsiasi aree specifica.

Invece, gli investitori dovrebbero usare le elezioni come un’opportunità per rivalutare i loro portafoglio d'investimenti e prendere in considerazione nuove politiche che potrebbero influire e riequilibrare le loro partecipazioni.

Per i trader che cercano di capitalizzare, qualsiasi volatilità a breve termine può presentare un’ opportunità per operare con posizioni long o short. Uno dei vantaggi del trading di azioni con IG è la possibilità di sfruttare al massimo gli effetti degli annunci societari grazie agli orari di negoziazione estesi, disponibili su oltre 70 azioni principali statunitensi.

Fai pratica con un conto demo o apri un conto reale per iniziare a fare trading

In che modo le ultime elezioni americane hanno influito sul mercato azionario?

Diamo uno sguardo all’andamento dell’indice S&P 500 durante le elezioni americane degli ultimi 10 anni. Ogni grafico copre un periodo di quattro anni, partendo dai due anni precedenti del giorno delle elezioni ai due anni successivi. Ciò significa che ogni grafico è la continuazione del precedente.

Elezioni del 1980

Il repubblicano Ronald Reagan sconfisse il presidente democratico in carica Jimmy Carter alle elezioni del 1980, rendendo quest’ultimo uno dei pochi presidenti a non avere avuto accesso a un secondo mandato. La vittoria di Reagan fu schiacciante per via della sua promessa d'intervento governativo dal lato dell’offerta (‘supply-side economics’) di sostenere il conservatorismo del libero mercato e di aumentare la spesa per la difesa, iniziative che ebbero risonanza con gli elettori.

Carter aveva lottato per rilanciare un’economia fiacca che soffriva per via di un’ inflazione elevata così come l’alto livello di disoccupazione e i tassi d'interesse. Tuttavia, i mercati subirono ripercussioni nei primi 18 mesi della presidenza di Reagan: il Paese entrò in recessione nel 1981 come conseguenza della crisi petrolifera di fine anni 70, innescata dalla rivoluzione in Iran.

Elezioni del 1984

L’economia americana iniziò a rialzarsi a metà del 1982, seguendo questa tendenza per tutto l’anno successivo, il che portò Reagan e le sue politiche economiche alla rielezione nel 1984, sconfiggendo il candidato democratico ed ex vice-presidente Walter Mondale.

Tasse più basse e deregolamentazione hanno contribuirono a riportare l’inflazione sotto controllo e a ridurre la disoccupazione. Gli utili societari aumentarono mentre Reagan diede il via al decennio noto per l’introduzione del consumismo che spinse i mercati azionari a nuovi massimi.

Elezioni del 1988

Il presidente Reagan, incapace di mantenere un altro mandato, si ritirò per cedere il posto al suo vice presidente George H.W. Bush che assunse il controllo della nomina repubblicana contro il candidato democratico Michael Dukakis. Bush vinse le lezioni e fu la prima volta che un partito sono riuscì a garantire un terzo mandato successivo per 40 anni. Con il mercato in espansione durante la recessione del 1982 e l'ottobre 1987, l'indice S&P 500 era aumentato del 161%, ma è crollò durante il famoso ‘Black Monday’.

Cosa abbiamo imparato con il Black Monday

L'incidente fu breve ma forte e i mercati di tutto il mondo subirono il calo più grande che sia mai registrato in un solo giorno. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno evitarono di entrare in un mercato ‘bear’ mentre i mercati iniziavano rapidamente ad avanzare e i ‘bulls’ e i tori ripresero la loro corsa interrotta nel 1982. L’indice S&P 500 aveva registrato enormi guadagni sotto Reagan, recuperando quasi tutte le perdite causate dalla crisi entro solo un anno. Ciò significava che la fiducia nell’economia di Reagan rimaneva alta, dando a Bush solide basi per costruire le sue politiche. Tuttavia, gli Stati Uniti entrarono in una fase di recessione relativamente lieve nel 1990 che minò la fiducia verso il nuovo presidente nei suoi primi anni di mandato.

Elezioni del 1992

L’economia americana iniziò a riprendersi nel 1991, portando Bush alla rielezione nel 1992. Tuttavia, Bush era solo il terzo presidente in grado di garantire un secondo mandato dopo aver perso contro il democratico Bill Clinton. Mentre Reagan era stato ricordato per aver portato una crescita elevata, un basso tasso di disoccupazione e bassa pressione fiscale, Bush lasciò scia di debito e deficit, perciò gli elettori lo ‘punirono’ per non aver mantenuto la promessa di non aumentare le tasse. Una delle promesse elettorali di Clinton includeva la riduzione del divario tra ricchi e poveri, diventato sempre più grande sotto Reagan e Bush. In poche parole, qualsiasi vantaggio economico per gli elettori che Bush aveva ereditato da Reagan era scomparso, lasciando come eredità le conseguenze delle politiche attuate dal del suo predecessore. Inoltre, in seguito a eventi come la fine della Guerra Fredda, il crollo dell’URSS e la relativa stabilità in Medio Oriente, la forza percepita di Bush sulla politica estera e sulla difesa dopo la guerra del Golfo era svanita. L 'attenzione era rivolta all'economia che, sebbene in crescita, sembrava molto più vulnerabile. In genere, quando l’economia si trova in una fase di stagnazione, gli elettori tendono a cercare delle nuove alternative. Tuttavia, l’indice S&P 500 continuò a crescere dopo la recessione ma a un ritmo molto più lento e più rapido di quello visto negli anni 80.

Elezioni del 1996

Clinton si insediò alla presidenza degli Stati Uniti proprio quando il Paese usciva dalla recessione e, durante il suo primo mandato, guidò un nuovo boom economico Inizialmente venne osteggiato in seguito alla vittoria dei repubblicani sia alla Camera che al Senato alle elezioni di medio termine del 1994. Riuscì a guadagnare terreno grazie alla stabilità dell'economia. L’indice S&P 500 aveva registrato una crescita superiore al 57% durante il primo mandato di Clinton che venne rieletto dopo aver battuto il candidato repubblicano Bob Dole. Nonostante questa vittoria, i democratici non riuscivano ancora a riconquistare la Camera e il Senato. Tuttavia, la crescita dell’economia e dei mercati subì un’accelerazione nei due anni successivi alle elezioni, con l’indice S&P 500 alle stelle (47%) in seguito al boom del dot-com e all’accumulo di nuovi titoli tecnologici e del settore di Internet da parte degli investitori.

Elezioni del 2000

La crescita dell’economia iniziò a scemare alla fine degli anni ’90, culminando con lo scoppio della bolla del ‘dot-com’ nel marzo 2000, pochi mesi prima delle elezioni, causando una contrazione dell’economia ormai sull’orlo di una recessione.

Dopo il secondo mandato di Clinton, la corsa alla Casa Bianca era nelle mani di candidati nuovi di zecca. Il vice-presidente di Bill Clinton, al Gore, prese le redini del partito ma non riuscì a battere il repubblicano George W. Bush, figlio del precedente presidente George H.W. Bush. L'elezione è stata considerata una delle più ravvicinate in termini di risultati nella storia considerando che Bush perse il voto popolare ma non quello elettorale.

Elezioni del 2004

Bush è stato rieletto dopo aver battuto il candidato democratico John Kerry alle elezioni del 2004. La popolarità di Bush si era rafforzata nel suo primo mandato: l’economia iniziava a riprendersi e il Paese si stringeva nel dolore in seguito attacchi dell’ 11 settembre. La contrazione dei mercati finanziari ha cominciato a invertire la sua tendenza all’inizio del 2003, quando l’indice S&P 500 iniziava a riprendersi dopo due anni di bassa crescita.

Tuttavia, la ‘guerra al terrorismo’ di Bush e la guerra in Iraq del 2003 danneggiarono la sua reputazione tra gli elettori, portando a una sua labile vittoria. Mentre l'economia era prima la centro della campagna elettorale, questa volta la politica estera era nell’occhio del ciclone. L’indice S&P 500 guadagnò terreno dopo che Bush vinse il suo secondo mandato, rimanendo però al di sotto del suo picco massimo raggiunto prima della recessione.

Elezioni del 2008

L’economia era altamente vulnerabile alla fine del secondo mandato di Bush. Il Paese era nel pieno della bolla immobiliare nel 2005 e 2006 che ha scatenò il caos per i titoli garantiti dai mutui in possesso delle banche d'investimento. Tra il 2007 e il 2008, al momento del crollo finanziario, molti istituti richiesero ingenti salvataggi pubblici. Ufficialmente, la crisi è durata circa 19 mesi, da dicembre 2007 a giugno 2009.

La tempistica del crollo è stata significativa in relazione alle elezioni del 2008, quando il democratico Barack Obama e il repubblicano John McCain si ritrovarono a combattere per l’economia. McCain venne tagliato fuori dalla corsa elettorale dopo aver rilasciato commenti come ‘le basi della nostra economia sono forti’ proprio all’indomani della bancarotta di Lehman Brothers. Obama, senza troppi intoppi, vinse così le elezioni diventando il primo presidente afroamericano nella storia degli Stati Uniti.

Elezioni del 2012

Le elezioni del 2012 si concentrarono sulle questioni di politica interna riportarono l’economia in sesto dopo la recessione. Obama vinse il secondo mandato contro il candidato repubblicano Mitt Romney. Le sue promesse elettorali prevedevano temi come le assicurazioni sociali, bilancio e il suo fiore all’occhiello: l’Affordable Care Act.

L’indice S&P 500 aveva iniziato una lunga scalata, riprendendo quota dopo i minimi del 2008. Tuttavia, l’andamento dell’indice era ancor volatile e ben al di sotto dei livelli pre-recessione. La ripresa è accelerata dopo la rielezione di Obama. Nel 2014 l’indice aveva raggiunto livelli mai visti prima dello scoppio della bolla del dot-com.

Elezioni del 2016

Il secondo mandato di Obama è stato considerato un successo in quanto era riuscito a guidare il Paese verso la ripresa economica. L'S&P 500 aveva più che raddoppiato il valore durante Obama raggiungendo nuovi massimi storici. Ma l’economia era ancora al centro del dibattito elettorale del 2016, quando il repubblicano Donald Trump vinse per soli pochi punti contro il candidato democratico Hillary Clinton, moglie dell’ex presidente Bill Clinton.

La Clinton tentava di promuovere la sua esperienza politica con la promessa di continuare le politiche di Obama come quelle per l’assistenza sanitaria ma l’approccio controverso e aggressivo di Trump gli garantì una più ampia copertura mediatica. Il suo ‘Make America Great Again’ ha dato linfa vitale in un movimento anti-establishment. Il risultato è stato uno dei più scioccanti della storia americana.

La Clinton era considerata avanti in quasi tutti i sondaggi condotti prima dell’apertura delle urne e in realtà si guadagnò 2,7 milioni di voti più di Trump. Quest’ultimo però ricevette la maggior parte dei voti elettorali.

Trump ha messo l’economia al centro della sua politica e ha felicemente puntato sulla performance del mercato azionario durante il suo mandato, anche se tale risultato non è direttamente correlata allo stato dell’economia. Dall’altro canto, non ha risparmiato dei duri colpi ai mercati finanziari per vie delle sue guerre commerciali e il confronto con Paesi come l’Iran e la Corea del Nord.

Nonostante tutto, i mercati americani hanno continuato a raggiungere nuovi massimi storici durante il primo mandato di Trump prima di essere arrestati dall’epidemia di coronavirus all’inizio del 2020.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading