Cos'è uno short squeeze?

Uno short squeeze potrebbe rovinare le strategie dei trader che fanno shortselling, se non agiscono rapidamente. Scopri cos'è uno short squeeze, quali sono le cause e come identificare quando potrebbe manifestarsi.

Cos'è uno squeeze di mercato?

Uno squeeze di mercato può riferirsi a uno 'short squeeze' o ad un long squeeze. Uno short squeeze impatta principalmente i trader che fanno short selling, che vengono effettivamente 'spinti' fuori dal mercato, quando i prezzi salgono rapidamente. I trader short seller cercheranno quindi di chiudere le loro posizioni short il più velocemente possibile, per ridurre le loro perdite.

Al contrario, un long squeeze avviene quando i trader che vanno long vengono 'spinti' fuori dal mercato, quando i prezzi si riducono improvvisamente. Come per i trader che hanno aperto posizioni short, i trader che hanno posizioni long cercheranno di chiuderle tempestivamente, per evitare di incorrere in perdite ingenti.

Cos'è uno short squeeze?

Uno short squeeze avviene quando i prezzi di un mercato aumentano improvvisamente, superando le aspettative degli analisti e degli investitori. Gli short squeeze possono impattare notevolmente gli investitori che adottano la strategia della vendita allo scoperto con le azioni in prestito, perché potrebbero spendere più denaro per ripagare e consegnare l'azione presa in prestito, rispetto a quanto anticipato.

Possono inoltre impattare negativamente anche i trader che operano sulle azioni con gli strumenti derivati, come i CFD. I prodotti derivati sfruttano la leva, che può amplificare sia i profitti che le perdite. Tale aumento di profitti o di perdite può verificarsi proprio con gli short squeeze, o in altri scenari simili, dove i mercati si muovono in maniera inaspettata.

Quali sono le cause di uno short squeeze?

Uno short squeeze può essere causato da una rapida e inaspettata impennata del prezzo di un asset, solitamente di un titolo azionario. Quando ciò accade, chi fa vendita allo scoperto cercherà di chiudere subito le posizioni short, mentre i prezzi sono in rialzo.

Questo evento si traduce con un aumento della domanda delle azioni, causando a sua volta la riduzione dell'offerta. Il cambiamento della dinamica domanda/offerta provoca un aumento ulteriore dei prezzi, che peggiora gli effetti di uno short squeeze.

Se gli investitori utilizzano una strategia di hedging short con le azioni in prestito, dovranno ricomprare le stesse azioni (buy back), per aprire una posizione short prima della data di scadenza. La data di scadenza in una strategia di hedging short corrisponde alla data in cui il prestatario decide di restituire l'azione al prestatore.

Come identificare uno short squeeze

Per individuare uno short squeeze, molti trader utilizzano gli indicatori sui grafici per trovare le azioni ipervendute. Se un'azione o un altro tipo di asset è in ipervenduto, gli investitori potrebbero aspettarsi un ulteriore aumento del prezzo. Alcuni indicatori che vengono utilizzati per identificare gli ipervenduti sono l'indice RSI e il Williams %R.

Nell'immagine che segue, presa direttamente dalla piattaforma IG Trading, l'RSI è l'indicatore superiore e il Williams %R è quello inferiore. Le aree in ipervenduto sono evidenziate negli elementi rettangolari.

Puoi abbinare questi indicatori agli interessi a breve termine delle azioni: il numero totale delle azioni vendute allo scoperto, che non sono state utilizzate per fare hedging o che non sono state ancora chiuse, espresso in percentuale. Tale approccio può aiutarti a confermare i risultati degli indicatori. Un tasso a breve termine più basso significa che pochi trader stanno effettivamente andando short e ciò vuol dire che gli investitori pensano che il prezzo delle azioni potrebbe salire.

Per calcolare l'interesse a breve termine, dovrai dividere il numero delle azioni vendute allo scoperto per il numero totale di azioni restanti, e poi moltiplicare il risultato per 100.

Gli short squeeze solitamente prendono i mercati alla sprovvista, mentre gli indicatori di ipervenduto e i tassi a breve termine short o long non garantiscono che uno short squeeze possa verificarsi. Molto spesso i ricavi più alti del previsto delle società, le innovazioni tecnologiche o le politiche di delocalizzazione di nuovi settori produttivi, possono far aumentare repentinamente i prezzi.

Esempio di short squeeze

Uno short squeeze di notevole entità accadde a ottobre 2008, quando il prezzo delle azioni del gruppo Volkswagen (VOWG) quintuplicò da 210 a 1000 euro, in soli due giorni. Il mercato rimase spiazzato e, per un breve periodo di tempo, la Volkswagen diventò l'azienda più importante del mondo.

Lo squeeze fu causato da quella che potremmo definire come una 'tempesta perfetta'. Il gruppo Porsche annunciò l'acquisizione del 74% del pacchetto azionario Volkswagen, provocando un aumento improvviso del prezzo delle azioni, con gli short sellers che furono costretti c le loro posizioni a €1005 per azione.

Un esempio più recente di short squeeze riguarda il gruppo Tesla, durante i primi mesi del 2020. In precedenza, Tesla era l'azienda maggiormente venduta alla scoperto sul Nasdaq, ma una serie di notizie positive, tra cui i risultati del quarto trimestre che avevano superato le aspettative, hanno fatto aumentare il prezzo fino a raggiungere i $900 per azione.

Scopri di più sul trading con le azioni Tesla

Gli short seller, come nel caso della Volkswagen, sono stati tagliati fuori dal mercato, e hanno effettuato una serie di operazioni di acquisto per cercare di limitare le perdite tramite hedging. Ciò ha spinto ancora di più l'aumento dei prezzi, che ha comportato a sua volta un incremento delle perdite per gli short sellers.

Di seguito, potrai vedere l'andamento del prezzo delle azioni Tesla, dal 23 gennaio 2020 al 18 maggio 2020. Lo short squeeze è cerchiato ed etichettato dove il prezzo dell'azione ha un'inversione dal movimento verso il basso, e l'aumento del prezzo è mostrato dalla freccia verso l'alto, di fronte all'incremento della domanda.

Come fare trading su uno short squeeze

  1. Apri un conto con IG oppure effettua il login
  2. Cerca il mercato sul quale vuoi operare
  3. Effettua le tue analisi
  4. Crea una strategia di gestione del rischio
  5. Apri, monitora e chiudi la tua prima posizione

Per fare trading su uno short squeeze, dovrai aprire una posizione per ottenere un profitto dal prezzo in rialzo dell'azione. Questo significa che potrai aprire una posizione 'buy' (andare long), con i CFD dopo aver identificato uno short squeeze.

I CFD sono prodotti a leva. Ciò significa che non acquisti direttamente l'asset, ma puoi aprire una posizione versando un piccolo deposito, chiamato margine.

Short squeeze in sintesi:

  • Gli short squeeze rappresentano un serio rischio di perdita per i trader che adottano strategie di vendita allo scoperto (o short selling), con le azioni.
  • Gli short squeeze avvengono quando i prezzi aumentano velocemente e inaspettatamente.
  • Ciò potrebbe tagliare fuori dal mercato gli short seller, costringendoli a ricomprare le azioni prese in prestito, pagando un premio più alto per chiudere le posizioni.
  • Ne consegue che la domanda per le azioni sale, mentre l'offerta scende sensibilmente, spingendo i prezzi verso l'alto.
  • Le perdite per chi vende allo scoperto potrebbero aumentare esponenzialmente durante uno short squeeze, mentre i profitti per chi ha aperto posizioni long potrebbero amplificarsi.

Apri un conto e inizia a fare trading con IG

Data di pubblicazione : 2020-08-25T10:19:59+0100

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Scopri come fare trading sui mercati

Esplora la selezione di mercati disponibili e scopri come funzionano, con il corso di introduzione ai mercati finanziari di IG Academy.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è un nostro impegno: saprai sempre costi e commissioni applicati

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading