Ftse Mib positivo, spread in calo dopo fiducia al Senato

Con 156 voti favorevoli, il premier Conte conquista anche Palazzo Madama. Spread a 109 punti base, Ftse Mib a +0,9%. Usa, occhi puntati oggi su insediamento Biden

  • A quasi un’ora dall’apertura l’indice Mib avanza dello 0,9%. Bene anche il resto dell’Europa: Cac40 +0,68%, Dax +0,74%, Ftse 100 +0,29%
  • Crisi di governo, Conte ora punta a rafforzare la maggioranza dopo la fiducia da parte di Camera e Senato, spread in calo
  • EUR/USD in rialzo a 1,21, giù il dollaro nel giorno dell’insediamento del presidente eletto Joe Biden alla Casa Bianca

Apertura al rialzo per il Ftse Mib e per l’Europa, dove gli occhi degli investitori sono puntati, come quelli del resto del mondo, su Washington e sulla cerimonia di inaugurazione della presidenza di Joe Biden.

Positivi i futures a Wall Street (S&P 500 +0,27%, Nasdaq + 0,64%, Dow Jones +0,06% a pochi minuti dall’avvio della sessione europea), mentre il presidente uscente Donald Trump con gli ultimi colpi di coda ha concesso il perdono a 143 cittadini statunitensi.

Livelli di sicurezza al massimo dopo i fatti di Capitol Hill del 6 gennaio, che prevedono il dispiegamento di circa 25 mila soldati.

Ftse Mib in rialzo: cosa sta muovendo le quotazioni?

Per il secondo giorno consecutivo sul Ftse Mib brilla Stellantis, il titolo del colosso automobilistico nato dalla fusione di Fca con la francese Psa. Dopo un debutto che si è chiuso in rialzo di quasi il 7% e una seconda giornata di contrattazioni che ha riportato un buon 2,8%, anche in avvio il titolo si muove al di sopra della parità, a +1,93%.

L’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, si è detto ieri “molto fiducioso” che il gruppo possa arrivare a cinque miliardi di euro previsti di sinergie, di cui l'80% da realizzare entro quattro anni. Ha poi rassicurato sulla tenuta dei posti di lavoro, durante un’intervista alla radio francese: “'Non chiuderemo alcuno stabilimento, perseguiremo i nostri obiettivi senza distruggere occupazione”, ha dichiarato. “Vogliamo tutelare e tenere tutti i marchi”, e “per tutelare l'occupazione c'è bisogno di un effetto scala, che permette anche risparmi in capex e ricerca e sviluppo”.

Spicca oggi sul Ftse Mib il titolo A2a, che avanza del 2,98% a pochi minuti dall’apertura in vista dell’annuncio del nuovo piano strategico al 2030: investimenti per oltre 16 miliardi di euro nei prossimi dieci anni, incentrati sullo sviluppo dell'economia circolare e la transizione energetica con un forte impulso alla crescita della produzione di energia da fonti rinnovabili. I nuovi target indicano un Ebitda più che raddoppiato a oltre 2,5 miliardi di euro a fine piano e un incremento dell'utile netto di oltre l'8% medio annuo. Il piano verrà presentato oggi alle 11:30.

Bene Unicredit, che avanza dell’1,43% a 7,89 euro per azione, mentre le azioni Telecom Italia avanzano di un punto percentuale nel giorno in cui si torna a parlare del dossier FiberCop. Oggi la prima riunione dell’anno del board esecutivo per fare il punto sullo stato d'avanzamento dei vari dossier, dalla costituzione di FiberCop alla rete unica, passando per il lancio della nuova società dei datacenter, spiegano diverse fonti vicine alla situazione.

Giù invece le utilities, con Enel che lascia sul terreno lo 0,33% e Hera che perde l’1,05%, mentre Italgas scivola dell’1,03%.

Crisi di governo: il punto della situazione

Spread sotto controllo all’indomani del voto sulla fiducia al Senato. Ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha infatti ottenuto, con 156 voti favorevoli, la maggioranza relativa anche a Palazzo Madama, bissando così i 321 voti con cui aveva assicurato la tenuta del suo governo alla Camera, lunedì.

La crisi di governo scatenata da Italia Viva non sembra tuttavia aver inciso troppo sullo spread. Al momento il differenziale Tra i Btp italiani e i Bund tedeschi si aggira attorno ai 109 punti, in calo dell’1,47%, ma ancora ieri – quando i numeri al Senato erano ancora in forse – non è mai schizzato quanto temuto, arrivando a un massimo di 110,5 punti base.

Notizie dal resto dei mercati finanziari

  • Asia – Chiusura contrastata per gli azionari asiatici: in calo la Borsa di Tokyo, che chiude in calo dello 0,38% a causa delle prese di beneficio degli investitori, con l’azionariato ai massimi da 30 anni. Bene invece le Borse cinesi: Shanghai sale dello 0,47%, sulla scia dei titoli dei veicoli elettrici e healthcare sugli scudi, mentre la banca centrale cinese ha mantenuto la liquidità abbondante per sostenere la ripresa economica dal Covid-19. Bene anche Shenzhen, in rialzo dell’1,46% e il China A50 avanza dello 0,25%.
  • Forex - si rafforza l’euro a 1,2149 dollari, da 1,2110 alla chiusura di ieri. La moneta unica vale anche 126,11 yen (125,89 ieri), mentre il rapporto dollaro/yen viaggia a quota 103,78 (103,87). Balzo in avanti della sterlina, EUR/GBP a 0,88.
  • Materie prime – timido rialzo per il prezzo del barile, che riesce a mantenersi in rialzo il Wti dello 0,98%, a 53,50 dollari, e il Brent dell’1%, a 56,46 dollari. Rimbalza anche l’oro, che avanza dello 0,81% e torna a quota 1.855 dollari all’oncia – ai massimi da quasi una settimana.

Inizia a fare trading con i CFD

Fai trading su oltre 80 indici con i CFD – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i CFD.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità

Fai trading sui principali indici globali.

  • Opera su mercati al rialzo e al ribasso
  • Spread a partire da 1 punto sul FTSE 100, 1,2 sul Germany 30 e 0,4 punti sull'US 500
  • Trading sui principali indici disponibile H24

Vedi opportunità sugli indici?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sugli indici?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Spread a partire da 1 punto sul FTSE 100, 1,2 sul Germany 30 e 0,4 punti sull'US 500
  • Trading sui principali indici disponibile H24
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi

Vedi opportunità sugli indici?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading