L’indice indiano continua a dominare, nuovi record

Lunga corsa per il mercato azionario dell’India che segna nuovi massimi storici

bg_indian_stock_exchange_1450017
Fonte Bloomberg

Non si ferma il principale indice indiano NIFTY 50 India 50 Cash che continua a registrare nuovi record. L’indice ha superato i massimi del 2 agosto a 10130 arrivando a toccare un picco intraday a 10168 punti. I record storici del mercato azionario indiano sono legati a molti fattori: l’ottimo andamento dell’economia del paese, la politica monetaria espansiva da parte della banca centrale guidata da Urjit Patel, i forti acquisti sulle blue chips del mercato (Tata Motors, HDFC Bank, Bharti Infratel, L&T), il riposizionamento di alcuni grandi fondi hedge.

L’economia indiana da un punto di vista macroeconomico continua a evidenziare numeri record grazie al forte sostegno della crescita demografica. L’inflazione, al momento, non è un problema visto che si mantiene ben al di sotto del 4%, livello tollerato dalla banca centrale. Proprio la Reserve Bank of India ha avuto un ruolo fondamentale per stabilizzare e poi rilanciare l’economia del paese asiatico. Da settembre 2013 Raghuram Rajan ex economista del Fondo Monetario Internazionale ha preso in mano la politica monetaria riuscendo a rilanciare l’economia del paese. Da agosto a sostituire Raghuram Rajan è arrivato il nuovo governatore Urjit Patel.  

Secondo un recente studio di HSBC l’India diventerà la terza economia mondiale per PIL nominale dopo Stati Uniti e Cina entro il 2028 superando quindi Germania e Giappone.

Economia a gonfie vele e in un ottimo stato di salute e l’indice continua a segnare record.

Da un punto di vista tecnico i forti rialzi delle ultime settimane potrebbe portare a un ritracciamento nel brevissimo termine. Ribassi fino a 9970 lasciano tuttavia inalterate le aspettative di crescita. Nel medio-breve periodo il nostro target è fissato a 10400 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.