BCE preview: poche sorprese, focus su conferenza Draghi

Elementi di interesse della riunione della Banca Centrale Europea

bg_ecb_1372809

Manca poco al meeting della Banca Centrale Europea. Non ci aspettiamo sorprese dalle decisioni del Consiglio monetario dell’istituto centrale della Zona euro su tassi d’interesse e piano di quantitative easing. Tuttavia il diavolo si nasconde nei dettagli e anche se il meeting non prevede variazioni della politica monetaria la conferenza di Draghi sarà da seguire con particolare interesse.

Perché? Quali saranno i temi di interesse?

A) Nuove proiezioni economiche su inflazione PIL e disoccupazione, soprattutto per la prima volta le stime su inflazione 2020 in Eurolandia. Questo è un elemento determinante per capire le prossime mosse sui tassi d’interesse da parte dei banchieri centrali europei. A differenza della FED il mandato della BCE è solamente la stabilità dei prezzi, quindi le aspettative di inflazione di medio/breve termine sono il principale fattore che muove le azioni di Draghi & co.

Le previsioni al momento sono per un CPI pari all’1,8%. Un dato ben diverso cambierebbe le prospettive sulle prossime strategie di politica monetaria della BCE. Un dato ben inferiore convincerebbe Draghi a estendere il piano di QE oltre settembre 2018. Un dato ben superiore porterebbe a pensare a una BCE più restrittiva.

B) Le domande sulla scadenza del piano di QE. Al momento Draghi ha lasciato aperto il piano QE con una scadenza a settembre 2018 che può essere rivista in caso di cambio delle condizioni economiche.


C) Le domande sul sistema bancario, sul consiglio di vigilanza e sulla gestione dei non performing loans, argomento di particolare interesse soprattutto per l’Italia. 

Un meeting quindi che potrebbe portare spunti molto interessanti in grado di muovere i mercati soprattutto quello valutario. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.