Usa, disoccupazione in calo a gennaio: il dato sui non-farm payrolls

I dati sul mercato occupazionale Usa deludono le aspettative, sebbene registrino un tasso di disoccupazione in calo al 6,3%. Wall Street guarda agli stimoli fiscali

L’economia Usa a gennaio continua ad aggiungere posti di lavoro, sebbene a un ritmo più lento di quanto atteso.

Il report sui non-farm payrolls, ovvero le nuove buste paga nel settore non agricolo create nell’ultimo mese, fotografano un paese in lenta ripresa: 49.000 posti di lavoro in più, meno rispetto ai 50.000 previsti dagli analisti ma comunque in netto calo rispetto ai 227.000 persi a gennaio – cifra per altro rivista al rialzo.

I dati del Department of Labour USA

Stesso trend per il salario orario medio, che sale dello 0,2% rispetto all’aumento dello 0,1%, ma comunque meno delle previsioni che lo volevano a +0,3%. A livello annuale, il salario orario avanza del 5,4%, laddove a dicembre era aumentato del solo 5,1%.

In compenso, scende più del previsto il tasso di disoccupazione, che a gennaio si assesta al 6,3%, mentre le previsioni si attendevano un livello stabile al 6,7%.

Il dato di gennaio segnala anche, allo stesso tempo, una revisione al ribasso delle rilevazioni degli ultimi due mesi: i posti di lavoro persi a novembre passano a 264.000 (72.000 in più), quelli persi a dicembre a 227.000 (87.000 in più).

Cosa spiega allora il calo della disoccupazione a gennaio? La diminuzione, nello stesso periodo, del tasso di partecipazione al mercato del lavoro.

Quali sono stati i settori più colpiti?

Con la campagna di vaccinazione appena iniziata e la pandemia di covid-19 che ancora non dà segno di voler allentare la presa, non stupisce che ad accusare ancora le perdite più ingenti siano stati, anche a gennaio, i settori della ristorazione, dei viaggi e dell’intrattenimento.

Nello specifico, quest’ultimo settore ha perso solo nell’ultimo mese ulteriori 61.000 posti di lavoro, che si aggiungono al crollo di oltre 500.000 segnalato alla fine del 2020 e portano la perdita totale, dall’inizio della pandemia, a 4 milioni. È proprio il settore viaggi e intrattenimento che ha guidato la forte revisione al ribasso di dicembre.

Giù anche il commercio al dettaglio: la stagione natalizia, a dicembre, aveva contribuito a rinvigorire il settore (con 134.900 nuovi posti di lavoro) a gennaio torna a perdere 37.800 buste paga; idem per il comparto manifatturiero (31.000 posti di lavoro guadagnati a dicembre, 10.000 in meno a gennaio) e nel settore dell’assistenza sociale (40.000 posti di lavoro guadagnati a dicembre, quasi altrettanti persi a gennaio).

E quali tipologie di contratto?

Il mercato del lavoro resta comunque stabile. I contratti a tempo indeterminato persi a gennaio resta stabile a 3,5 milioni, 3,2 in più anno su anno. Scende inoltre il numero delle persone lasciate a casa in via temporanea: 2,7 milioni, laddove al momento del picco della pandemia, ad aprile, erano arrivati a 18 milioni.

Quali prospettive per il futuro dell’economia Usa?

Gli esperi concordano nel ritenere che le assunzioni torneranno a ritmo sostenuto nel momento in cui le restrizioni verranno allentate, ma nel frattempo l’unico modo per tenere a galla il mercato occupazionale Usa passa attraverso il dispiegamento di aiuti fiscali.

E proprio in queste ore il presidente degli Stati Uniti, il neoeletto Joe Biden, sta cercando un compromesso con i repubblicani sul Relief Plan da lui proposto (una maxi-misura da 1.900 miliardi di dollari, che l’opposizione vorrebbe vedere ridotta almeno a 618 milioni). Nel frattempo, forti della maggioranza sia alla Camera dei Rappresentanti sia al Senato, i democratici premono per presentare una proposta di “reconciliation” che permetterebbe di forzare la mano e approvare il piano a maggioranza semplice.

Come ha reagito Wall Street?

I dati sui non-farm payrolls, deludenti rispetto alle attese, non hanno inciso più di tanto sull’apertura dei mercati a Wall Street. Prevale infatti la fiducia sia per quanto riguarda gli stimoli economici, sia la lotta al coronavirus - Johnson & Johnson guadagna l'1,5% dopo aver presentato la domanda alla Food and Drug Administration per ottenere l'autorizzazione per l'uso di emergenza, negli Stati Uniti, del suo vaccino contro il coronavirus.

A metà sessione il Dow Jones avanza dello 0,28%, l’S&P 500 aggiorna i record della vigilia e sale dello 0,30% a 3.883 punti mentre solo il Nasdaq scivola dello 0,11%.

Come sfruttare le opportunità di trading?

Interessato al trading sugli indici globali, forex o commodities? Apri un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG Bank in pochi passi:

  1. Crea un conto IG Bank o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Cogli le opportunità

Fai trading sui principali indici globali.

  • Opera su mercati al rialzo e al ribasso
  • Spread a partire da 1 punto sul FTSE 100, 1,2 sul Germany 30 e 0,4 punti sull'US 500
  • Trading sui principali indici disponibile H24

Vedi opportunità sugli indici?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Prova il trading senza rischi
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi opportunità sugli indici?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Spread a partire da 1 punto sul FTSE 100, 1,2 sul Germany 30 e 0,4 punti sull'US 500
  • Trading sui principali indici disponibile H24
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi

Vedi opportunità sugli indici?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading