Andamento euro-dollaro in rialzo, effetto Bce e Biden

EUR/USD a 1,2151: Francoforte lascia i tassi invariati (e l’euro avanza) mentre la prospettiva del maxi-pacchetto fiscale a firma dem USA indebolisce il dollaro

L’euro-dollaro torna ai massimi di una settimana in una giornata contrassegnata da appuntamenti importanti su entrambe le sponde dell’Atlantico.

Da una parte, l’effetto dell’insediamento del neo eletto presidente Usa Joe Biden e il senso di impaziente attesa per il maxi-piano di stimoli fiscali annunciato dalla nuova amministrazione democratica: 1.900 miliardi di dollari in grado di far sperare gli investitori in una ripresa dalla crisi economica scatenata dal covid-19 – per quanto non manchino i dubbi sulle ripercussioni di tale mole di sussidi a livello di debito pubblico.

Dall’altra, l’atteggiamento accomodante della Banca centrale europea. Oggi l’istituto di Francoforte ha confermato il proprio atteggiamento accomodante della sua politica monetaria, come ha dichiarato la numero uno dell’Eurotower Christine Lagarde.

Euro-dollaro: cosa sta influenzando l’andamento dell’euro

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea si è riunito oggi. Come previsto, la riunione mensile non ha condotto a eccessivi cambiamenti nella politica monetaria della Bce: confermati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%.

Secondo il board della Bce, i tassi di interesse di riferimento si manterranno sui livelli “pari o inferiori a quelli attuali finché non vedrà le prospettive di inflazione convergere saldamente su un livello sufficientemente prossimo ma inferiore al 2% nel suo orizzonte di proiezione e tale convergenza non si rifletterà in mani era coerente nelle dinamiche dell'inflazione di fondo”.

Proseguono gli acquisti nell’ambito del Pepp (il programma di acquisto asset in funzione antipandemica); si conferma la dotazione finanziaria totale di 1.850 miliardi di euro almeno sino alla fine di marzo 2022 e, “in ogni caso, finché non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus”.

D’altra parte, aggiunge il comunicato stampa rilasciato a riunione conclusa, “Se le condizioni di finanziamento favorevoli possono essere mantenute mediante flussi di acquisti di attività che non esauriscano la dotazione nell'orizzonte degli acquisti netti del Pepp, non sarà necessario utilizzare appieno la dotazione”.

Allo stesso modo, proseguono invariati gli acquisti all’interno del programma di quantitative easing tradizionale (nell’ordine di 20 miliardi al mese) e le operazioni di rifinanziamento per le banche.

  • Le parole di Lagarde

“'Gli ultimi dati macroeconomici indicano che la ripresa dei contagi e la conseguente introduzione delle misure di lockdown hanno determinato una probabile contrazione nel quarto trimestre e probabilmente peseranno anche sul primo trimestre del 2021” ha dichiarato in conferenza stampa Christine Lagarde, presidente della Bce.

D’altra parte, aggiunge, si tratta di una condizione già ampiamente prevista. Lagarde si è concentrata su pandemia e andamento della campagna vaccinale, “una pietra miliare verso la soluzione della crisi”, insieme al fondamentale contributo del Recovery Fund.

E cosa sta influenzando l’andamento del dollaro

Nel frattempo, secondo JP Morgan la direzione che i mercati assumeranno nell’epoca Biden dipenderà dai primi cento giorni della nuova presidenza.

Com’è noto, per altro, Biden ha già un piano, a partire dai “cento milioni di vaccini nei primi cento giorni di presidenza”; nel frattempo, il famigerato pacchetto fiscale da quasi due mila miliardi di dollari, in funzione anti-pandemica, ma anche una riforma pressoché totale degli ultimi quattro anni a guida Trump.

Non sono passate neanche 24 ore dall’insediamento e già Biden ha firmato una serie di ordini esecutivi che mirano a riportare gli Usa di nuovo dentro gli accordi di Parigi e a riallacciare i rapporti con l’Organizzazione mondiale della sanità.

Come si sta muovendo il cambio EUR/USD?

La combo creata dal rialzo dell’euro, i cui tassi restano invariati, e il calo del dollaro, per via del ritorno della propensione al rischio degli investitori, ha provocato un balzo in avanti del cambio EUR/USD, che al momento avanza a 1,2152 dopo aver toccato (mentre parlava Lagarde) un picco a 1,217. Il dollaro perde terreno anche sullo yen dopo aver toccato un minimo a quota 103,33.

Molti analisti ritengono che il biglietto verde continuerà a deprezzarsi, dopo un calo del 7% nel 2020 in un contesto di politica super-accomodante da parte della Fed e tra le speranze dell'avvio di una ripresa globale.

Come sfruttare le opportunità di trading?

Inizia a fare trading sul forex con i CFD – incluse valute maggiori, minori ed esotiche. Otterrai un’esposizione sulle coppie valutarie a fronte di un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale su IG Bank o mettiti alla prova con un conto demo.

Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG Bank declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti.

Inizia ora a fare trading sul forex

Trova nuove opportunità sul mercato più grande e liquido al mondo.

  • Spread a partire da soli 0,6 su EUR/USD
  • Analizza il mercato e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Fai trading ovunque tu sia con le nostre app

Vedi un'opportunità sul forex?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Apri la tua posizione
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi un'opportunità sul forex?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Spread a partire da soli 0,6 su EUR/USD
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi un'opportunità sul forex?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading