Market Update - Attesa Trump-Xi, Fed rallenta il passo e la Cina si ferma

Borse europee in lieve calo nell'ultima seduta di settimana e di mese e in vista del G20 di Buenos Aires, dove l'attenzione è incentrata quasi unicamente su Trump-Xi Jinping, che dovrebbero vedersi a cena sabato.

Xi_Jinping_Donald_Trump_Trade_Tariff_AP

Il sentiment del mercato rimane cauto, con gli investitori che sperano nella finalizzazione di un accordo che scongiuri l'aumento delle tariffe da parte degli Stati Uniti nei confronti di Pechino a partire da gennaio 2019.
Proprio dalla Cina continuano ad arrivare indicazioni deludenti, l'indice PMI manifatturiero ufficiale di novembre è arrivato sulla soglia di 50 punti, livello che delimita l'espansione dalla contrazione. E' il valore più basso da 28 mesi a questa parte.

Anche in Europa le cose non vanno meglio, con l'inflazione che a novembre ha rallentato vistosamente, tornando al 2% a/a dal precedente 2,2%. In calo anche il dato Core, tornato inaspettatamente all'1%.
Si sta per chiudere un mese contrastato per le borse mondiali, che hanno visto protagonisti positivi soprattutto gli indici sudamericani, Brasile in testa.

Wall Street potrebbe chiudere contrastata, mentre in Europa il Dax si avvia a chiudere il quarto mese di fila in rosso, evento questo che non accadeva dal 2008. E proprio come in quell'anno, il Dax ha chiuso nel 2018 solo 3 mesi in rialzo.

Ieri sera la minute della Fed hanno fatto da eco alle parole di Powell, confermando un atteggiamento più cauto nel 2019, con il ritmo di rialzo che potrebbe decelerare sino a 2 ritocchi (dai 4 di questo anno) e c'è chi avanza l'ipotesi anche di un solo rialzo, come accadde nel 2016, quando l'anno iniziò nel peggiore dei modi.
Il violento calo del greggio e il conseguente calo delle aspettative inflattive di certo offre un assist in tal senso, ma la domanda degli operatori è se basterà rallentare il ciclo restrittivo con i rischi che vanno via via aumentando.

Negli ultimi due anni, infatti, proprio la forte crescita e le misure fiscali hanno fatto da volano alle borse, pertanto i toni accomodanti delle Banche centrali potrebbero attenuare, ma non impedire una discesa delle borse, soprattutto se i due eventi più importanti da qui a fine anno (trade war e Brexit) dovessero portare a brutte sorprese.

IG Bank S.A. presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG Bank S.A. non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.