Market Update - Dubbi sull'accordo Usa-Cina e le curve si appiattiscono!

Seduta di consolidamento in Europa in un clima orientato alla prudenza.

Xi_Jinping_Donald_Trump_Trade_Tariff_AP

Gli investitori tornano a ragionare sulla tregua commerciale tra Stati Uniti e Cina e hanno qualche perplessità dopo i comunicati ufficiali di ambo le parti. Le dissonanze sulle tempistiche della tregua e sui alcuni dettagli, la Cina intende tagliare le tariffe sulle auto attualmente al 40%, mentre gli Usa parlano di azzeramento, hanno rispolverato le vendite sui mercati. I cali sono piuttosto ridotti, a dimostrazione del fatto che la questione verrà rimandata al 2019.

Ad appesantire il sentiment sul mercato ci pensa però la curva per scadenze statunitense, che ieri sera si è inverstita sul tratto 3-5 anni, mentre il differenziale 2-10 anni si è contratto fino a 13 punti base, il livello più basso da luglio 2007. I fenomeni di flattening sono sempre più evidenti e si teme per un'inversione della curva che possa segnalare una recessione in vista. Di norma l'inversione della curva anticipa la recessione di almeno un anno, quindi nel caso se ne parlerebbe solo dal 2020 in poi. Proprio il calo dei rendimenti sui bond Usa sta deprimendo il biglietto verde, in calo verso le principali valute mondiali stamane.

In Europa, gli occhi rimangono puntati sulla Brexit, quando mancano pochi giorni ormai al voto del Parlamento britannico. La May sta intensificando la campagna per sostenere l'attuale accordo. Uno degli ultimi oppositori è Mervyn King, l'ex numero uno della Bank of England, che ha definito l'accordo attuale un tradimento.

Sui mercati, i rialzi di ieri potrebbero ripartire dopo una chiusura dei gap up lasciati aperti ieri mattina.
Infine, sull'Italia continuano le pressioni della Ue per un taglio consistente del deficit/Pil inserito in manovra, mentre alcune fonti giornalistiche segnalano la possibilità di tagli fino al 2% dal 2,4% previsto ora.
Queste aspettative hanno riportato in auge i Btp, con i rendimenti in netto calo. Sul 2 anni, scadenza ottobre 2020 siamo scesi sino a 0,67%, il livello più basso da luglio. Lo spread verso il Bund sul decennale invece sosta poco sopra 280, una soglia che fa fatica a rompere al ribasso, complice anche un certo rafforzamento dei titoli tedeschi. Probabilmente solo dei passi concreti del governo in tema di deficit potrebbero portare a discesa sotto tale livello.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.