Costi variabili (definizione)

A - B - C - D - E - F - G - H - I - L - M - O - P - Q - R - S - T - U - V - W

Vedi tutti i termini del glossario di trading

I costi variabili sono le spese che cambiano in base al volume di produzione di un’azienda. Si distinguno dai costi fissi, che restano costanti sia che la produzione aumenti o diminuisca.

I tipi più comuni di costo variabile sono le materie prime necessarie alla produzione e i salari della forza lavoro. Questi costi aumentano all’aumentare della produzione poiché l’azienda avrà bisogno di più materie prime e lavoratori. Se la produzione decresce, allora anche questi costi diminuiranno.

Il rapporto tra costi variabili e costi fissi è un fattore importante per azienda e investitori. Indica il profitto che si può realizzare da un aumento delle vendite e il calo degli utili che può derivare da un calo delle vendite.

Contattaci

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

800 897582

In alternativa puoi scriverci all'indirizzo email italiandesk@ig.com