Che cosa sono le anomalie del mercato?

Un’anomalia del mercato si verifica quando il movimento dei prezzi differisce da quello atteso. Alcune si verificano una tantum, mentre altre appaiono con una certa regolarità sui grafici. I trader e gli investitori possono utilizzare questi comportamenti insoliti per trovare opportunità su tutti i mercati.

bg_data_1386852

Un’anomalia del mercato si riferisce alla differenza tra la performance di un titolo e il trend atteso, secondo quanto stabilito dall’ipotesi di mercato efficiente (Efficient Market Hypothesis, EMH). L’EMH parte dal presupposto che i prezzi delle azioni riflettano tutte le informazioni disponibili in un determinato momento. In teoria, ciò dovrebbe rendere impossibile l’acquisto di titoli sopravvalutati o la vendita di titoli al di sopra del loro valore, in quanto la negoziazione avverrebbe sempre a un prezzo di mercato equo.

Tuttavia, nella pratica, i mercati non sono efficienti. La comparsa di anomalie sui mercati finanziari dimostra che non sempre l’EMH vale, in quanto non tutte le informazioni rilevanti si riflettono immediatamente sui prezzi.

Andiamo a vedere alcune delle anomalie più comunicome funziona la finanza comportamentale e il modo in cui i trader possono trarre vantaggio dalle anomalie del mercato.

Effetti di calendario

Gli effetti di calendario sono un insieme di anomalie che si verificano in determinati periodi dell’anno o in determinate date. Vediamoli in dettaglio.

Effetto lunedì

L’effetto lunedì, noto anche come ‘effetto fine settimana’, è la tendenza dei prezzi dei titoli a chiudere in ribasso il lunedì rispetto al venerdì precedente.

Molti sostenitori della finanza comportamentale ipotizzano che l’effetto lunedì sia causato dalla negatività che circonda una nuova settimana lavorativa. Invece altri credono che le aziende spesso rendono pubbliche le cattive notizie il venerdì sera, dopo che il mercato ha chiuso. Ciò sarebbe avvalorato dalla tendenza degli investitori a liquidare i propri titoli il venerdì pomeriggio per evitare lo slippage durante il fine settimana.

Marktanomalien_Montagseffekt

Fine mese

Fine mese si riferisce all’andamento del valore di un titolo che sale l’ultimo giorno di negoziazione del mese e che dura fino ai primi tre giorni del mese successivo.

Storicamente, i guadagni eccezionali a cavallo di ogni mese hanno un rendimento complessivo superiore a tutti e 30 i giorni del mese. Vi è scarso accordo sul fatto che si tratti solo di una coincidenza di comportamenti casuali o del risultato di una maggiore probabilità che le notizie commerciali positive siano annunciate alla fine del mese.

Effetto gennaio

L’effetto gennaio descrive l’andamento dell’aumento del volume di trading e, di conseguenza, dei prezzi delle azioni nell’ultima settimana di dicembre e nelle prime settimane di gennaio.

Pur essendo noto anche come effetto di fine anno, il termine ‘effetto gennaio’ è più comunemente utilizzato per indicare la tendenza dei titoli delle piccole imprese a una sovraperformare sul mercato nelle prime due o tre settimane di gennaio.

Si ritiene che l’effetto gennaio sia determinato dall’inizio del nuovo anno fiscale. Tipicamente, secondo questa teoria, i prezzi scendono a dicembre quando gli investitori liquidano i loro asset per realizzare plusvalenze. Mentre gli aumenti a gennaio sono causati dai trader che si tornano ad investire sul mercato.

Effetto vacanza

L’effetto vacanza, o effetto pre-vacanza, è un’anomalia del calendario che descrive la tendenza del mercato azionario a guadagnare nell’ultimo giorno di negoziazione prima di una festività.

Di solito,le persone sono naturalmente più ottimiste quando si avvicinano le vacanze, il che può tradursi in un movimento di mercato positivo. Una spiegazione alternativa è che esista una maggiore probabilità che i venditori allo scoperto chiudano le loro posizioni prima delle vacanze.

L’anomalia vacanza può anche essere attribuita all’aspettativa che ci sarà maggiore volatilità: l’effetto vacanza tende ad auto-realizzarsi, dato che i trader acquistano o vendono in base alle stesse anomalie storiche.

Impatto post trimestrali

L’impatto dopo la pubblicazione di una trimestrale comporta un movimento dei prezzi del titolo azionario, soprattutto quando gli utili sono diversi dalle attese.

In teoria, se i mercati fossero del tutto efficienti, gli annunci relativi agli utili delle aziende determinerebbero un immediato cambiamento dei prezzi, in quanto l’informazione verrebbe istantaneamente riflessa nel prezzo di mercato. Tuttavia, l’adeguamento dei mercati può richiedere fino a circa 60 giorni, con rialzo dei prezzi nel caso di un annuncio di utili migliori delle attese e un calo dei prezzi nel caso di utili peggiori delle attese.

La motivazione di questo ritardo è che i mercati reagiscono lentamente ai rapporti sui rendimenti e, quindi, ci vuole un certo periodo di tempo prima che le informazioni vengano assorbite nel prezzo del titolo.

Post-earnings-announcement

Effetto momentum

L’effetto momentum si basa su un’analisi tecnica storica che suggerisce che i recenti ‘vincitori’ del mercato azionario hanno maggiori probabilità di continuare a battere i ‘perdenti’ o che le azioni con una forte traiettoria ascendente continueranno probabilmente a crescere nel breve-medio termine.

Questa anomalia implica che i trader possono trarre vantaggio da tali movimenti di prezzo andando long sui vincitori e short sui perdenti.

Una delle spiegazioni più diffuse dell’effetto momentum è che i mercati non assorbono immediatamente le nuove informazioni nel prezzo, ma lo fanno in modo più graduale.

Supponiamo che un’azienda pubblichi una buona notizia, ma che gli acquirenti reagiscano lentamente e occorra un po’ di tempo perché l’informazione sia assorbita dal mercato: in questo caso l’aumento dei prezzi sarà più graduale. Ciò farà sembrare che i vincitori stiano ottenendo vantaggi consistenti.

Effetto valore

Forse una delle anomalie fondamentali più note è l’effetto valore. Questa anomalia si riferisce alla tendenza dei titoli con bilanci sotto la media a una sovraperformance rispetto al mercato, a causa della fiducia degli investitori nel potenziale di crescita di queste aziende.

Normalmente, se il valore di mercato è superiore al valore di libro per azione, un’azione è considerata sopravvalutata, mentre un’azione con un valore di libro superiore al valore di mercato è spesso considerata sottovalutata. Anche se ciò di solito induce il mercato a correggere, l’effetto valore vede i trader comportarsi in modo contrario alla prassi, acquistando azioni tecnicamente sopravvalutate.

Sebbene vi sia un rischio maggiore nell’investire in titoli di basso valore contabile, in quanto potrebbero avere maggiori difficoltà finanziarie, tale rischio viene controbilanciato dal potenziale di rendimento superiore.

Quali sono le spiegazioni della finanza comportamentale in merito alle anomalie del mercato?

La finanza comportamentale è un modello che si oppone alle teorie finanziarie ‘convenzionali’, compresa l’EMH. Il presupposto di base è che gli operatori di mercato siano razionali e prevedibili.

Sebbene non vi siano spiegazioni certe riguardo alle anomalie del mercato, la teoria della finanza comportamentale suggerisce una serie di probabili fattori sottostanti.

  • Conservatorismo: la tendenza a rimanere legati alle vecchie credenze, piuttosto che adeguare le strategie alle nuove informazioni.
  • Eccessiva fiducia: la tendenza degli investitori a sopravvalutare le proprie capacità e l’accuratezza delle informazioni che possiedono. Questo può portare a un comportamento meno avverso al rischio e a scelte irrazionali.
  • Errore di auto-attribuzione: la propensione umana a riconoscere gli eventi che confermano le proprie convinzioni, ignorando quelli che le smentiscono.
  • Errore di attenzione: la maggiore probabilità che gli operatori del mercato prestino attenzione alle grandi imprese e ai canali di informazione, spesso a scapito delle imprese meno note.

Sebbene queste spiegazioni descrivano in qualche modo i modelli di mercato, ciò non significa che le teorie convenzionali non abbiano alcun valore. Entrambe possono fornire chiarimenti sul comportamento del mercato e dei trader.

Trading sulle anomalie del mercato

Anche se non intendete fare trading direttamente sulle anomalie del mercato, è importante che le comprendiate in modo da non essere colti alla sprovvista da movimenti di mercato inattesi e da poter adattare la vostra strategia di trading.

È improbabile che qualcuno possa trarre profitto in modo costante dalle anomalie del mercato, quindi, i trader devono mettere in atto strategie di gestione del rischio per affrontare i casi in cui questi modelli falliscono.

Come dimostrano queste anomalie, un mercato efficiente è un concetto fluido. Tuttavia, lo stesso vale per le anomalie. Anche se il loro ripetersi può creare fiducia nella probabilità di trarre profitto dalle discrepanze, i trader devono essere consapevoli del fatto che i modelli storici non sono sempre un indicatore affidabile della performance futura.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.