Oro: settimana senza segnali di ripresa, view rimane ribassista nel BP

Nonostante la crisi politica al Congresso USA abbia portato la più grande economia mondiale a chiudere la maggior parte delle attività del Governo Federale e essere vicina a un possibile default tecnico, l'oro non è riuscito a mostrare concreti segnali di ripresa. Il metallo prezioso, infatti, continua a perdere il suo ruolo di bene rifugio. Gli investitori preferiscono utilizzare come beni rifugio altre attività (recentemente sembra prendere sempre più peso nei portafogli "safe" il franco svizzero).

Riteniamo che le quotazioni dell'oro siano sempre più legate all'andamento della domanda del metallo prezioso nei colossi asiatici (India e Cina) e sempre meno dipendenti dagli affari statunitensi. Tenendo conto delle ultime stime del World Gold Council sulla domanda di India e Cina (in ripresa dopo il crollo evidenziato nei primi mesi 2013) nel medio/lungo periodo potremmo assistere a una ripresa dei corsi del metallo prezioso. Nel breve termine, invece, manteniamo la nostra view ribassista, ritenendo che l'oro continuerà a mostrare una certa debolezza.

Dal punto di vista tecnico da inizio settembre i prezzi dell'oro sono contenuti in un canale discendente molto chiaro. L'eventuale cedimento del supporto statico in area 1275 dollari l'oncia, minimo di inizio agosto, creerebbe i presupposti per una estensione della discesa verso il supporto a 1180 dollari l'oncia, strategico in ottica di lungo periodo. Il suddetto riferimento rappresenta, infatti, l'ultimo appiglio utile per scongiurare una caduta ben più rovinosa (1000 dollari l'oncia almeno). Per allentare le tensioni, la strada da compiere è lunga. Una perentoria vittoria al di sopra della resistenza dinamica rappresentata dalla media mobile a 200 giorni (SMA200) al momento in transito a 1415 dollari l'oncia, potrebbe essere considerata come una prima ma concreta indicazione di ripresa, preludio a un possibile allungo in direzione dei target posizionati a 1434 e 1488.

Spot gold chart
Spot gold chart

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.