Oro, rimbalzo in atto dopo test ai minimi del 2013

Recupera l’oro che questa mattina ha aggiornato i massimi dal 18 dicembre scorso, arrivando a lambire quota 1.240 dollari/oncia. 

Si tratta di un mero effetto tecnico, visto che il test al supporto di 1.180 dollari (bottom annuale del 2013) ha dato seguito a una serie di ordini in acquisto. Una parte degli investitori sta puntando a un rimbalzo, ma è presto per dire se si tratti di un’inversione di tendenza. I fondamentali restano deboli e il ridimensionamento della crescita in Cina, divenuto da poco primo importatore di oro al mondo, potrebbe presto tornare a pesare sulle quotazioni del metallo giallo. Anche lo scarso impatto del tapering sui mercati finanziari potrebbe aver giocato un ruolo, soprattutto per chi temeva un possibile calo borsistico. Dal punto di vista tecnico, il test ai minimi annuali avvenuto il 31 dicembre ha creato occasione di rimbalzo. Una continuazione di questa tendenza di breve potrebbe proseguire sino alla resistenza dinamica dettata dalla trend line discendente che congiunge i picchi del 2013, ora in transito a 1.280 dollari. Solo un superamento di questo livello potrebbe creare occasione per un recupero più importante verso l’obiettivo collocato a 1.360 dollari, top di ottobre scorso. Il trend per ora rimane ribassista e il supporto principale resta a 1.180 dollari.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.