Oro, debolezza potrebbe proseguire su accordo Usa

Torna a mettere pressione ai minimi di inizio mese l’oro in scia al possibile accordo tra repubblicani e democratici sul tema tetto del debito che potrebbe esserci nelle prossime ore.

Se ciò dovesse accadere, il calo del metallo prezioso potrebbe essere importante. Da un lato, infatti, l’apprezzamento del dollaro dovrebbe pesare sulle quotazioni del metallo prezioso, dall’altro, le minori tensioni potrebbero ridurre la domanda speculativa che si è rifugiata sul metallo prezioso. Dal punto di vista tecnico, il cedimento dei minimi di agosto a 1.275 - 1.270 dollari/oncia potrebbe portare a un’estensione del calo verso il supporto a 1.180 dollari, bottom annuali. Indicazioni positive potrebbero arrivare solo con un riposizionamento sopra 1.300 dollari che potrebbe creare occasione di allunghi verso 1.330 dollari, top da inizio mese, dove passa ora la media mobile a 50 giorni. Il livello successivo rimane a 1.370 dollari, massimo del 19 settembre scorso.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.