Introduzione ai pattern armonici

I pattern armonici nascono negli anni trenta grazie a H.M. Gartley, il quale nota che precisi pattern si realizzano con una certa frequenza sui movimenti di prezzo.

Questi pattern rappresentano delle figure grafiche che si distinguono per  delle relazioni geometriche caratterizzate dai livelli di Fibonacci.

Grazie a queste configurazioni è possibile identificare potenziali livelli di inversione del prezzo con un’alta frequenza di successo. I pattern vengono identificati senza preoccuparsi della direzione del prezzo.

Introduciamo ora il pattern più semplice della serie, che è un po’ la base per tutti gli altri pattern il cosiddetto ABCD pattern o AB=CD pattern.

Qui di seguito riportiamo la versione rialzista e la versione ribassista del pattern ABCD.

Andiamo a spiegare nel dettaglio di cosa si tratta e come identificarlo.

Il pattern è composto da 3 movimenti e da 4 punti, un movimento impulsivo AB (definito gamba), un movimento correttivo BC
(definito correzione o ritracciamento) e poi ancora un movimento impulsivo DC (gamba) che va nella stessa direzione di AB. Questi movimenti sono legati fra loro da una precisa relazione geometrica che viene evidenziata anche nella figura.

I numeri riportati nelle figure esprimono livelli di correzione o ritracciamenti e la reciproca estensione del movimento successivo. Questo significa che se abbiamo un ritracciamento BC (di AB) del 61,8% dobbiamo aspettarci una proiezione di BC del 161,8%, mentre se abbiamo un ritracciamento BC in area 78,6% dovremmo aspettarci una proiezione di BC del 127%. Facciamo presente che lo  0,618 è un ritracciamento “primario”, cioè deriva direttamente dalla sequenza di Fibonacci, mentre lo 0,786 è un derivato di 0,618 ed è esattamente la sua radice quadrata. Anche 1.27 non fa parte della sequenza di Fibonacci, ma è la radice quadrata dì 1,618.

Precisiamo che per semplicità abbiamo riportato i livelli che più spesso vengono raggiunti dai prezzi e che in un certo senso determinano l’equilibrio perfetto, ma che possono essere considerate anche altri livelli di Fibonacci e loro derivati. In linea di massima più è profondo il ritracciamento BC e più sarà corta l’estensione CD.

Sembrerebbe che ogni livello di ritracciamento abbia la sua reciproca estensione, riportiamo tutti i rapporti qui di seguito:

 

                                     Ritracciamento                                    Estensione

                                                0,382                                                     2,618

                                                0,50                                                        2.0

                                                0,618                                                     1,618

                                                0,707                                                     1,41

                                                0,786                                                     1,27

                                                0,886                                                     1,1

Il rapporto minimo è AB=CD, cioè il primo movimento impulsivo viene eguagliato dal secondo movimento impulsivo.

Ma vediamo ora come applicarlo u grafici reali.

Quello che vediamo di seguito è il grafico orario del cross euro dollaro. Nello specifico individuiamo un potenziale pattern:

 misuriamo la prima gamba AB e poi identifichiamo la correzione BC. Come vediamo la correzione si chiude quasi al 78,6% di ritracciamento. Abbiamo individuato la prima gamba del pattern e il suo ritracciamento.

Quello che facciamo in seguito è di proiettare il movimento BC verso l’alto e individuare il punto C che è la nostra PRZ (Potential  Reversal  Zone).

I prezzi del cross in questione cominciano a risalire creando la seconda gamba impulsiva che si arresta con precisione sul 161,8% di estensione del movimento BC. A questo punto il nostro pattern è completo e possiamo aspettarci un’inversione.

Risulta evidente che andremo a piazzare i nostri ordini di entrata a ridosso di queste aree che vengono definite Potential  Reversal  Zone (PRZ).

Per motivi didattici, abbiamo dovuto individuare il nostro pattern a grafici formati, ma sappiamo bene che questo pattern va individuato mentre si sta formando, cercando di rilevare questo tipo di relazioni geometriche.

 

Partecipa ai nostri webinar

Vai al calendario e scegli l'argomento che ti interessa approfondire insieme ai nostri esperti, tra cui Bruno Moltrasio.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e in pochi minuti sarai pronto a fare trading.

Contattaci

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

800 897 582

In alternativa puoi scriverci all'indirizzo email italiandesk@ig.com

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.