VIX ai massimi da inizio agosto

Sale ai massimi dal primo agosto l’indice Vix in scia alle turbolenze che stanno attraversando le borse negli ultimi giorni. 

bg_data_1386852
Fonte: Bloomberg

Denominato spesso come “indice della paura” per via del fatto che tende a salire nei momenti di tensione sui mercati, questo indicatore riflette l’open interest sulle opzioni aperte sull’S&P500. Dato che il prezzo delle opzioni è direttamente proporzionale alla volatilità futura, durante le fasi molto volatili sul mercato gli investitori tendono ad aprire molti contratti in opzione. Da qui la risalita dell’indice.

Ieri il Vix si è portato in area 17.57%, massimo che non vedeva da agosto. Il superamento di questo livello potrebbe alimentare ulteriori allunghi verso area 18,20 (top di marzo) e poi verso 21,50 (top di febbraio). Non riteniamo possibile un superamento di questo livello, salvo un deciso deterioramento del sentiment di mercato.
Solo una discesa sotto area 15% potrebbe portare a un allentamento delle recenti tensioni.
Da precisare, tra l'altro, che dal prossimo lunedì il calcolo dell'indice verrà effettuato inserendo anche le opzioni settimanali e non solo quelle mensili. La decisione del CBOE (Chicago Board Option Exchange) riflette il crescente interesse degli operatori per le opzioni settimanali, che contano quasi per il 30% degli scambi totali.
Una simile manovra dovrebbe rendere il Vix un po' più volatile, soprattutto in prossimità dell'uscita dei dati macro, momento in cui gli scambi delle opzioni settimanali tendono ad aumentare.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.