Rumors voto anticipato penalizzano Milano, ma senza volumi

Il Ftse Mib cede oltre il 2%, mentre lo spread torna ai massimi da 3 settimane.

bg_milan_946092
Fonte: Bloomberg

Brutta partenza di settimana per Piazza Affari, che ha chiuso con -2% in scia alle voci di un possibile voto anticipato a settembre.
La seduta è stata interessata da volumi molto bassi vista la chiusura di Wall Street e Londra per festività. Anche questo potrebbe aver contribuito a penalizzare la performance dell'indice milanese.
L'ipotesi di un voto anticipato ha accentuato le vendite soprattutto sui bancari, quasi tutti in calo del 3-4%. Sotto pressione anche lo spread, tornato a ridosso di 190 punti base, livelli massimi da inizio mese.
Nonostante le dichiarazioni dell'ex premier, Matteo Renzi, crediamo che le reazioni dei mercati siano piuttosto esagerate. La probabilità che si vada al voto a settembre rimane, a nostro avviso, piuttosto circoscritta.
Rimane ancora da superare lo scoglio della legge elettorale, su cui sembra esserci una larga intesa sul modello tedesco. La legge deve poi passare alla Camera e al Senato per l'approvazione. Difficile che il passaggio sia privo di frizioni. Il presidente della Repubblica dovrà poi sciogliere le camere e indire nuove elezioni. Insomma, il processo potrebbe essere ancora lungo.
Il Ftse Mib ha chiuso ai minimi da inizio mese, mangiandosi quasi tutto il rialzo di maggio. Il prossimo supporto è a 20.550 punti, minimi assoluti di maggio e massimi di marzo.
Se le vendite dovessero proseguire, sembra essere inevitabile un test ai 20 mila punti, dove passa ora anche la trend line rialzista che congiunge i minimi da inizio anno. Al momento, crediamo che per un ritorno di positività è necessario un ritorno sopra 21 mila punti.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.