FTSE Mib: partenza in rosso poi vira in territorio positivo

L’indice italiano evidenzia un leggero rialzo attestandosi a 19100 punti

bg_italy_flag_1215087
Fonte: Bloomberg

Avvio negativo per l’indice italiano sulla scia dei timori degli investitori sulle indiscrezioni di Der Spiegel su una possibile uscita della Grecia dalla Zona Euro e del continuo ribasso dei prezzi petroliferi (brent sotto i 56 dollari al barile).

L’indice ha comunque recuperato tutto il terreno perso in una giornata caratterizzata da volumi molto bassi. Gli addetti ai lavori sono interessati a valutare il dato sull’inflazione in Germania che sarà pubblicato nel primo pomeriggio. Le attese sono fissate per un incremento dell’indice dei prezzi al consumo dello 0,2% nel mese di dicembre.

Dal punto di vista tecnico l’indice nelle ultime sedute si è mosso lateralmente non riuscendo a dare continuità al movimento rialzista partito dai bottom del 16 dicembre. Solamente una perentoria vittoria al di sopra della resistenza a 19440 getterà le basi per una estensione dell’allungo in direzione dell’obiettivo a 20200, picco di novembre. Discorso diverso invece in caso di cedimento del supporto a 18750, preludio a un possibile calo verso 18000 e 17530.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.