Dow Jones allunga sotto i 25 mila punti

L'indice di Wall Street ripiega in scia alle tensioni commerciali tra Usa e Cina.

bg_wall_st_1131822
Fonte: Bloomberg

Passo falso degli indici azionari mondiali in scia alle rinnovate tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti. Le vendite hanno condizionato nella notte i listini asiatici e nel corso della seduta si sono affacciate anche sugli indici europei e ora su quelli statunitensi.

Così, dopo la pausa della scorsa settimana, dove l'attenzione degli operatori è stata per lo più concentrata sulle Banche centrali, la guerra commerciale è tornata a rubare la scena. Il tema è molto importante, dato che coinvolge le principali economie del mondo. Anche le ripercussioni sull'economia reale sono immediate dato che un innalzamento delle tariffe potrebbe trasferirsi sui consumatori nell'arco di soli 3 mesi.

Per ora le vendite non sono così marcate e gli operatori colgono occasione per portare a casa i profitti dopo il recupero degli ultimi due mesi. Probabilmente in molti credono ancora nell'opportunità di tornare verso i massimi storici e che quella di Trump sia solo una strategia per spuntare il miglior accordo possibile per gli USA.
Non siamo ancora del tutto convinti che ciò possa accadere, nonostante il buon momentum dell'economia. I rialzi dei tassi della Fed potrebbero fare da volano ai rendimenti dei Treasury, contribuendo ad alimentare il costo opportunità di detenere azioni.

DJI-Giornaliero
Fonte: Piattaforma IG

Dal punto di vista grafico, l'indice Dow Jones IA ha trovato una forte resistenza in area 25.400 punti, dove passa il 61% di ritracciamento di Fibonacci nella discesa partita dai massimi storici e terminata sui bottom di inizio aprile. Il movimento degli ultimi 3 giorni è quindi per ora inquadrabile come un pull back sulla trend line rialzista che unisce i minimi delle ultime 6 settimane (blu).  Solo una perforazione di tale riferimento potrebbe gettare le basi per un'estensione della flessione a 24.600 punti, 50% di Fibonacci e poi a 24.300 punti. L'arrivo su quest'ultimo livello sarebbe di per sé pericoloso, dato che la serie di massimi e minimi crescenti degli ultimi 3 mesi verrebbe a vacillare.

Un rimbalzo sulla trend line potrebbe aprire a un ritorno immediato su 25 mila punti, ma solo sopra tale riferimento gli acquisti si intensificherebbero con target 25.400 punti. A questo punto, un ritorno al test di questa resistenza potrebbe essere strategico per puntare al raggiungimento dei massimi storici.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.