Dax svetta e mette nel mirino i 13 mila punti

L'indice tedesco ha aggiornato i nuovi record storici in apertura stamane e ora "vede" i 13 mila punti.

bg_german_stock_exchange_1550419
Fonte: Bloomberg

La propensione al rischio che si è liberata sui mercati azionari nelle ultime due settimane ha riportato gli indici a Wall Street e il DAX ad aggiornare i massimi storici.
In recupero anche molti altri indici della periferia, con il Ftse Mib che è tornato ai livelli di fine 2015.

A spronare gli operatori sono stati principalmente due fattori:
- il risultato elettorale francese, che ha ridotto considerevolmente i timori di un'instabilità politica della zona euro;
- le buone indicazioni macro stanno fornendo un certo supporto al sentiment del mercato, troppo sottovalutato.

A questo punto non resta che aspettare le indicazioni che arriveranno sul fronte inflazione. Se i dati di maggio dovessero confermarsi solidi, non ci saranno più scuse per la Bce per mantenere un atteggiamento ultra accomodante. Già nella riunione di giugno potrebbe essere modificata la forward guidance, in modo da incorporare una possibile revisione del quantitative easing durante l'autunno e una normalizzazione dei tassi a partire da inizio 2018.

Tali aspettative dovrebbero sostenere il comparto bancario, che apprezza tassi più alti.
Alla luce di ciò, salvo temporanee prese di profitto fisiologiche, ci aspettiamo ancora rialzi.
Sull'indice DAx il target principale rimane a 13.000 punti, livello che potrebbero essere facilmente alla portata. Prima, però, delle discese verso la precedente trend line che delimita il canale ascendente di inizio anno sono possibili.

daxs
Fonte: piattaforma IG

Attenzione al cedimento di tale livello che potrebbe aprire a un'estensione dei cali verso la parte bassa del suddetto canale. Non si può escludere che tale movimento porti alla chiusura del gap up lasciato aperto due settimane fa, a 12.090 punti.
E' necessario che questo canale tenga per scongiurare il pericolo di una discesa più importante.
 

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.