Dax ai massimi da quasi due anni

Gli indici PMI spronano i listini europei.

bg_trader_1550403
Fonte: Bloomberg

Tornano gli acquisti sui listini europei questa mattina subito dopo le indicazioni incoraggianti arrivate dagli indici PMI della zona euro. Secondo queste stime flash di febbraio, l'indice composito dell'area è salito a 56 punti, ben oltre le attese. E' il dato migliore da aprile 2011. Buone anche le letture del comparto manifatturiero e quello dei servizi. Tra i sottoindici, il tasso di creazione dei posti di lavoro ha raggiunto i livelli che non vedeva da agosto 2007, prima della crisi. Decisamente buoni anche i dati tedeschi e francesi.

Queste indicazioni macroeconomiche segnalano come la crescita economica nella zona euro stia guadagnando forza in questo inizio di anno, malgrado i timori politici che iniziano a trapelare in vista del voto di Olanda e Francia.

Inoltre, abbiamo ancora qualche riserva sull'omogeneità della crescita tra i vari Paesi dell'area. Sebbene la crescita delle economie trainanti, come la Germania, faccia da locomotiva per gli altri paesi, non è detto che tutti riescano a tenere il passo, dato che le incertezze politiche e le mancate riforme possono condurre a effetti distorsivi che risaltino la frammentazione (concetto più volte citato dal numero uno della Bce, Mario Draghi).

Complice di questi dati, gli indici europei hanno invertito la tendenza ribassista di inzio seduta e sono in territorio positivo, con il Dax arrivato a un soffio dai massimi di inizio anno (11.893 punti).

Da uno sguardo d'insieme, visti continui massimi storici di Wall Street e le borse asiatiche ai massimi da metà 2015, l'impressione che abbiamo è che proprio l'instabilità politica in questo momento stia rallentando la corsa delle borse europee.

Dal punto di vista grafico, l'impostazione del Dax rimane saldamente rialzista. Una rottura in senso tecnico di 11.900 punti aprirebbe a un allungo in direzione dei massimi storici, a 12.400 punti, segnati ad aprile 2015. A confermare questa view c'è anche la buona tenuta da inizio anno dell'area di 11.430 punti, precedente top di fine 2015.

Rimane quello il supporto strategico principale al di sopra del quale le prospettive rialziste rimarrebbero inalterate. Qui sta approcciando anche la  trend line che ha sostenuto la corsa nel 2013 e che ha fornito resistenza per gran parte del 2016 (in blu), che è stata perforata subito dopo l'elezione di Trump.

Solo sotto tale livello il mercato potrebbe lasciarsi andare a una correzione più importante verso i 10.800 punti, resistenza durata per gran parte del secondo semestre del 2016.

germany30_21feb
Fonte: piattaforma IG

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.